• valentini desktop
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • guru jobs
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • barbagallo mobile
  • carlo partipilo
  • BANNER-mastermind.png
  • osmcoin promo
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • polidori
  • desktop barbagallo
  • giro in mongolfiera desktop
  • bella vita cinzia
  • medical
  • BANNER-virtual-coac.png
  • BANNER-osmcoin.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • carlo partipilo
  • barbagallo mobile
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner medical mobile
  • sogi
  • polidori
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • guru mobile
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • sogi
  • banner-mobile-mastermind.png
  • osmcoin promo mobile
  • giro in mong mobile
  • Valentini mobile

Verso la sboomerizzazione

boomer
Segui Francesca Capuzzo
( 6 Followers )
X

Segui Francesca Capuzzo

E-mail :*

Se pensi ancora che “cringe” sia quello verde che vive nella montagna e odia il Natale, mi dispiace informarti, ma quello è il Grinch! Vai a leggere il mio articolo dove spiego il significato di alcune parole usate dalla Generazione Z! Oggi potrai imparare nuovi termini per comunicare meglio con i più giovani. 

CHILL

Chill significa rilassarsi, essere rilassati e tranquilli. Se una persona è troppo agitata “chillati” si usa per dire “stai calmo”. 

STO MALE

Quando rispondiamo con “sto male” non chiedeteci “che cos’hai?”, perché lo usiamo quando qualcosa ci fa talmente ridere che ci sentiamo male. 

PACCARE

Per annullare un appuntamento si utilizza il verbo “paccare”. Se i tuoi amici ti invitano a una festa e non hai voglia di andarci o hai di meglio da fare, basta dire “Ragazzi, stasera io pacco”.   

SGRAVARE

Sgravare” è un verbo che usiamo per qualcosa di esagerato, per esempio se diciamo “stavolta hai sgravato” intendiamo “stavolta hai proprio esagerato”. Può essere anche “esagerato” nel senso di “molto bello”, per esempio: “Queste scarpe sono sgravate” vuol dire che queste scarpe sono davvero belle.

GREVE

Simile a “sgravato” è l’esclamazione “Greve”. Ha una connotazione più negativa ed è utilizzata per rispondere a situazioni imbarazzanti, pesanti o per indicare che la cosa di cui si sta parlando è sconvolgente. Per esempio, se dico: “Il colloquio dell’altro giorno è andato molto male” mi si potrebbe rispondere “Greve, mi dispiace”. 

NOI

Passiamo al prossimo, che, in realtà, non è un vero e proprio vocabolo, ma piuttosto un modo di rispondere. Se noi gen Z siamo d’accordo o ci immedesimiamo in qualcosa, diciamo “noi”. Quando, per esempio, un tuo amico ti manda un video, invece di rispondergli “Anche noi facciamo sempre come quelli nel video” o “anche noi ci comportiamo così”, noi gen z diciamo semplicemente “noi”. 

OK BOOMER

Ok, boomer” è una risposta che la Gen Z dà quando viene rimproverata da persone più anziane, più all’antica, ovvero i boomer. Nel 2019, Chlöe Swarbrick (un membro del parlamento della Nuova Zelanda) ha detto ad un legislatore anziano “OK, Boomer” dopo aver interrotto il suo discorso sui cambiamenti climatici. Per lo staff dei sottotitoli della TV parlamentare della Nuova Zelanda, l’osservazione di Chlöe Swarbrick si è rivelata incomprensibile.

CRUSH, FRIENDZONE, GHOSTARE

Passiamo ai vocaboli più inerenti all’amore e alle relazioni (che sono sempre importanti per gestire e capire collaboratori o figli della Generazione Z). Partiamo con “crush” che sarebbe la cotta, la persona di cui si è innamorati. Poi abbiamo “friendzone” che letteralmente significa “zona dell’amico” e, infatti, si riferisce a una situazione in cui, tra due amici, uno vorrebbe trasformare l’amicizia in qualcosa di più, ma non è corrisposto dall’altra persona. Se mi dichiarassi ad un ragazzo e venissi respinta sarei stata “friendzonata”. “Ghostare”, invece, è ancora peggio: significa ignorare di punto in bianco qualcuno, soprattutto sui social, per esempio non rispondendo più a messaggi e a chiamate o bloccandolo sui suoi account. Se ti capitasse di sentirti dire: “Quel ragazzo mi ha ghostata”, ora sai cosa vuol dire!

Foglietto illustrativo:

queste parole non vanno usate necessariamente! Se non sai di preciso cosa significano o se non c’entrano nulla col contesto, non sentirti obbligato ad usarle, perché risulterai come una persona che vuole fare la giovane, ma non ci riesce. 

Una volta mi è capitato di sentire una persona adulta che continuava ad usare a ripetizione il verbo “spoilerare” con un significato sbagliato. Così si rischia di cadere nel cringe!!

Dai giovani è più apprezzato che questi termini non vengano usati piuttosto che farlo senza contesto. I ragazzi non ti giudicheranno se non parlerai in questo modo, l’importante è che ti mantieni informato e, se dicono o alludono a qualcosa che non conosci, chiedi e informati, gli farà piacere sapere che sei interessato a loro! 

Segui Francesca Capuzzo
( 6 Followers )
X

Segui Francesca Capuzzo

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • banner medical mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • osmcoin promo mobile
  • giro in mong mobile
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • Valentini mobile
  • guru mobile
  • sogi
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • carlo partipilo
  • barbagallo mobile
  • polidori
  • sogi
  • banner-mobile-OSMCOIN.png

3 thoughts on “Verso la sboomerizzazione

  1. Grazie sorella, tu si che sai come sboomerizzarli tutti fra complimenti gg per te e sempre nel chill🤙🏻🤙🏻

    Scherzo, bravissima come sempre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campus Estivi
Gen Z

I Campus Estivi Dukes definiscono davvero il percorso di vita dei giovani? La testimonianza di Elisa Pappalettera 

Una scuola estiva di sole 2 settimane che aiuta i ragazzi a plasmare il loro futuro e la loro carriera? 

Esiste davvero!

Vuoi risparmiare a tuo figlio tutto quel tempo sprecato a rendersi conto che ha scelto la facoltà sbagliata? 

Vuoi evitargli il tormento di non sapere cosa fare nella vita e di non trovare una soluzione?

Leggi questo articolo per scoprire come farlo!

Continua a leggere
IA
Gen Z

Intelligenza Artificiale nelle scuole italiane: un grande supporto o un enorme danno?

L’intelligenza artificiale (IA) può davvero aiutare la scuola e i ragazzi o rappresenta solo un grande ostacolo per il loro sviluppo?

Scopri come l’IA può davvero essere trasformata in uno strumento che semplifica e rende più efficienti certi meccanismi grazie ai giusti prompt!

Continua a leggere
responsabile
Gen Z

Partire da zero: da collaboratrice a responsabile a soli 24 anni

Francesca ci insegna che tutto è possibile, anche partendo da zero. Basta un po’ di determinazione, disciplina, senso di responsabilità e, soprattutto, tanta volontà di mettersi in gioco e, talvolta, di commettere errori. Se stai iniziando ora nel mondo del lavoro o se stai cercando di rimetterti in piedi dopo delle difficoltà, ascolta ora i consigli di Francesca!

Continua a leggere