• valentini desktop
  • osmcoin promo
  • giro in mongolfiera desktop
  • bella vita cinzia
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • carlo partipilo
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • BANNER-mastermind.png
  • guru jobs
  • BANNER-osmcoin.png
  • desktop barbagallo
  • BANNER-virtual-coac.png
  • augurale desktop
  • medical
  • polidori
  • gh garda dektop
  • gh dubai desk
  • polidori
  • augurale mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • sogi
  • sogi
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • gh Garda
  • giro in mong mobile
  • barbagallo mobile
  • Valentini mobile
  • gh dubai mob
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • guru mobile
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • carlo partipilo
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • banner medical mobile

POTENZIALEUMANO

Risorse Umane: perché “sviluppare” è meglio che “gestire”!
Impresa e Donna

Risorse Umane: perché “sviluppare” è meglio che “gestire”! 

Che cos’è il potenziale? 

Spesso usiamo questa parola per definire il “potere interiore” di qualcuno, l’insieme delle sue doti e talenti, dimenticandoci però di una parte importante della definizione. Il potenziale è infatti una qualità, una possibilità, un talento che ancora non si è manifestato. 

Parlare dunque di potenziale umano, significa parlare di quegli aspetti invisibili delle persone, di quel potere sì, ma ancora inespresso, che ognuno di noi ha. 

Ecco allora che nel ruolo di leader, sviluppare il potenziale delle risorse umane significa riuscire a individuare qualcosa che ancora non ha preso piede nella realtà, vedere le nostre persone non per ciò che sono oggi, ma per ciò che saranno domani.

Ho parlato di potenziale insieme a Giada Melis, autrice del libro, Il potenziale umano: come sviluppare le tue risorse umane in azienda. Un libro che attraversa la sua esperienza di manager e imprenditrice. Giada coordina ed è responsabile di più di cinquanta persone all’interno del team di Mab Management, una società di consulenza e formazione aziendale, partner di Open Source Management. 

Nel suo libro condivide le esperienze e le strategie che l’hanno aiutata ad espandere la sua realtà imprenditoriale, insieme al marito e socio Andrea Podda. Qui Giada parla del titolare del nuovo millennio assimilandolo alla figura di un vero e proprio allenatore. Il quale non solo “ordina” cosa fare ai componenti della propria squadra, ma appunto fa sì che ognuno continui ad esercitarsi per dare il meglio di sé, con la grande convinzione che “il bello deve ancora venire”.

Continua a leggere