• giro in mongolfiera desktop
  • polidori
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • BANNER-mastermind.png
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • carlo partipilo
  • BANNER-osmcoin.png
  • gh garda dektop
  • osmcoin promo
  • bella vita cinzia
  • guru jobs
  • gh dubai desk
  • valentini desktop
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • medical
  • desktop barbagallo
  • BANNER-virtual-coac.png
  • augurale desktop
  • polidori
  • augurale mobile
  • sogi
  • giro in mong mobile
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • carlo partipilo
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • barbagallo mobile
  • banner medical mobile
  • guru mobile
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • Valentini mobile
  • sogi
  • gh dubai mob
  • gh Garda

imprenditorenonseisolo

Leadership al femminile tra empatia e pugno duro
Impresa e Donna

Leadership Femminile tra Empatia e Pugno Duro 

“Che cosa faresti, se vedessi arrivare un’auto a tutta velocità che sta per investire qualcuno in mezzo alla strada, proprio lì, davanti ai tuoi occhi? Saresti pronto a spingere con tutte le tue forze quella persona, pur sapendo che potrebbe cadere e farsi molto male, per salvarle la vita?”

Sono queste le domande che mi ha fatto Lara Campoli, quando le ho chiesto di parlarmi di leadership femminile, portandomi a riflettere sulla necessità di trovare un equilibrio tra forza e dolcezza, tra comprensione e assertività.
Ognuno di noi puoi essere e fare ciò che vuole solo se se ne assume la piena responsabilità. Questo richiede di farsi carico di diversi rischi, come nel caso di Lara, di recare dolore a qualcuno, per estirpare un male maggiore. Ci sono momenti in cui è giusto mostrare tolleranza, ascolto e comprensione, altri in cui non puoi permetterti di dare manforte a scuse. In cui non puoi accettare nessuna ulteriore giustificazione. 

“Se non lo faccio io chi lo fa? Se non la spingo io quella persona, a costo di romperle una gamba, nel giro di qualche secondo sarà investita dall’auto in corsa. Qual è la scelta giusta? Che cosa è meglio?”

Continua a leggere