• BANNER-utili-patrimonio.png
  • carlo partipilo
  • augurale desktop
  • medical
  • polidori
  • BANNER-virtual-coac.png
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • gh dubai desk
  • desktop barbagallo
  • giro in mongolfiera desktop
  • BANNER-osmcoin.png
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • BANNER-mastermind.png
  • gh garda dektop
  • bella vita cinzia
  • guru jobs
  • valentini desktop
  • osmcoin promo
  • augurale mobile
  • banner medical mobile
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • carlo partipilo
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • gh Garda
  • guru mobile
  • giro in mong mobile
  • sogi
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • osmcoin promo mobile
  • Valentini mobile
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • sogi
  • polidori
  • barbagallo mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • gh dubai mob

#imprenditore.info

Se tu non avessi paura, che cosa faresti davvero? Un’intervista a Sara Renossi
Impresa e Donna

Se tu non avessi paura, che cosa faresti davvero? Un’intervista a Sara Renossi 

Quando mi sento incartata, quando mi sento persa, bloccata, da un po’ di tempo a questa parte mi faccio sempre questa domanda: “Sara, se tu ora non avessi paura, che cosa faresti davvero?”

Sara Renossi è CEO di BE (Beauty-Experience) Srl , un’azienda in Franchising che opera nel settore dell’estetica avanzata e che ad oggi conta sei centri estetici tra le province di Padova, Verona e Vicenza. Un sogno iniziato quando Sara aveva solo 23 anni. Un sogno che via via ha cambiato forma, identità e intensità.

Sì perché Sara, quando ha iniziato, aveva solo una cosa ben chiara in mente: che diventare un’imprenditrice nel settore dell’estetica sarebbe stato il suo destino, la naturale estensione di sé, la cosa per cui era venuta al mondo. Ma anche con questa assoluta certezza addosso, Sara di difficoltà ne ha dovute superare parecchie; una su tutte: la sua paura…

Continua a leggere
Fai sentire la tua voce!
Impresa e Donna

Fai sentire la tua voce!

“Era il primo dicembre del 1955, quando Rosa Parks venne arrestata in Alabama. Parks quel giorno aveva deciso di far sentire la sua voce.

Rosa Parks, una donna afroamericana, quel giorno cambiò per sempre le sorti del mondo: divenne simbolo della lotta non violenta per i diritti civili. Lo fece occupando uno spazio, lo fece mettendo il suo corpo al servizio della sua voce e della voce di tutti coloro che come lei erano oppressi.

Lo fece senza gridare. Eppure la sua voce superò oceani e montagne, arrivò persino dall’altra parte del mondo. ”

È iniziata così la mia chiacchierata con Giovanna Pellegrino a proposito del tema di oggi: la voce. Uno strumento potentissimo che troppo spesso releghiamo al “parlare” quotidiano, anziché sfruttare a pieno come mezzo per la nostra realizzazione personale…

Continua a leggere