• BANNER-imp.info-nuovo.png
  • valentini desktop
  • polidori
  • guru jobs
  • bella vita cinzia
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • giro in mongolfiera desktop
  • gh dubai desk
  • desktop barbagallo
  • carlo partipilo
  • BANNER-mastermind.png
  • osmcoin promo
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • BANNER-osmcoin.png
  • medical
  • BANNER-virtual-coac.png
  • guru mobile
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • gh dubai mob
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • sogi
  • Valentini mobile
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • barbagallo mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • sogi
  • carlo partipilo
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • giro in mong mobile
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • polidori
  • banner medical mobile

donne&carriera

Il Coraggio Di Fiorire: Intervista a Doretta Scutti
Impresa e Donna

Il Coraggio Di Fiorire: Intervista a Doretta Scutti 

Quando si parla di impresa, di realizzazione personale o professionale, si parla spesso di coraggio. Coraggio di cambiare, di sciogliere compressi, di tuffarsi nel vuoto, di rischiare, di investire ecc. Ma che cosa significa davvero, avere coraggio? E come possiamo noi ogni giorno alimentarlo e farlo vivere al di là di ogni paura e giudizio? 

L’etimologia della parola coraggio deriva dal latino coratĭcum o anche cor habeo, aggettivo derivante dalla parola composta cŏr, cŏrdis cioè ’cuore’ e dal verbo habere ossia ‘avere’. L’origine della parola coraggio dunque risiede nell’espressione: avere cuore. 

Per comprendere il significato di “coraggio”, dunque, dobbiamo passare attraverso l’esplorazione del nostro cuore.

Se ci pensi quando accordiamo uno strumento che cosa facciamo? Allineiamo le frequenze sonore affinché possa esserci un’armonia. E se rifletti su quello che accade quando prendi un accordo con qualcuno, ti puoi rendere conto che, in sostanza, fai sì che le vostre volontà vibrino alla stessa frequenza. 

Avere coraggio vuol dire quindi connettersi alla sede dell’amore, la forza più grande che esista, quella che supera ogni paura, ogni dolore, ogni giudizio. Significa tornare a vibrare con le proprie frequenze più intime, quelle appunto del cuore, che sanno come connettere ciò in cui crediamo con ciò che facciamo. 

Ed è proprio questo che ha fatto Doretta Scutti a un certo della sua vita, quando ha deciso di rifiutare un posto fisso, quando ha deciso di aprire il suo negozio e poi di chiuderlo per rivoluzionare il suo business.

Continua a leggere
Smetti di Pensare a Cosa Fanno i tuoi Collaboratori: inizia a pensare a chi SONO. Parola di Hr Manager!
Impresa e Donna

Smetti di Pensare a Cosa Fanno i tuoi Collaboratori: inizia a pensare a chi SONO. Parola di Hr Manager!

Una delle cose che mette al proprio posto il nostro Ego è l’attività di gestire e far crescere collaboratori sotto la nostra guida. Per riuscire in questo intento, infatti, bisogna essere pronti a dedicare una grande quantità di tempo, cure ed energie ad altre persone in modo totalmente disinteressato. Bisogna essere coscienti di star piantando dei semi in azienda, i cui frutti, probabilmente non riusciremo a vedere. Semi che però faranno la grande differenza nel futuro delle nostre organizzazioni. 

Coloro che pensano di far vincere le proprie persone mettendo avanti se stessi, puntando ad un immediato tornaconto, difficilmente ottengono risultati straordinari. Difficilmente riescono a godere di una vera e propria leadership tra i propri collaboratori. Questo perché l’autorevolezza è qualcosa che ti viene riconosciuta dal basso, non ha a che fare con il ruolo o la targhetta che si trova alla porta del tuo ufficio. E quando abbiamo la responsabilità di far vincere qualcuno, si sente, se in verità ciò che puntiamo a far crescere è il nostro potere o il nostro stipendio.

Continua a leggere
Mamma E Manager: Non è Vero che Dobbiamo “Accontentarci”!
Impresa e Donna

Mamma E Manager: Non è Vero che Dobbiamo “Accontentarci”!

Siamo troppo spesso abituati a pensare che “la coperta sia sempre troppo corta”. 

Non c’è abbastanza tempo, non abbastanza spazio o denaro per fare ciò che vogliamo. Per andare dove vogliamo, per essere chi desideriamo. Come se le nostre vite dovessero viversi nei ritagli, o meglio negli scarti, di qualcun altro. Perché quasi sicuramente c’è qualcuno là fuori che ha più di te e che quindi finisce per  “toglierti la tua parte”. 

Ma qualcuno CHI? Il punto sta tutto qui: “NESSUNO ti sta togliendo qualcosa”!

Ma come si fa ad uscire da questo modo di pensare così comune e così impattante? 

“Non aver paura di andare in disaccordo”, “non accettare” – mi risponde decisa Elena Busato, manager di Open Source Management e mamma di tre figlie meravigliose. 

“Sei tu che casomai accetti che è arrivato il momento di accontentarsi, non gli altri!”

Continua a leggere
Think Pink! Perché le imprenditrici di oggi cambieranno il mondo delle donne di domani.
Impresa e Donna

Think Pink! Perché le imprenditrici di oggi cambieranno il mondo delle donne di domani

C’è voluto un bel po’ di tempo prima che le donne fossero le vere protagoniste delle loro storie. Anche quando sembravano essere il personaggio principale della vicenda, venivano descritte in attesa di qualcosa, molto raramente erano padrone del loro destino e della loro realizzazione personale. 

Persino i loro desideri sembravano essere desideri di altri: un matrimonio, un bel castello, un principe che donasse loro attenzioni e amore…

Poi le cose sono cambiate. E per fortuna! Abbiamo iniziato a sentir parlare di donne che volevano cambiare il mondo, di donne alla guida di grandi gruppi, di donne che volevano creare. 

Queste donne sono sempre esistite ovviamente, ma per un motivo o per un altro le loro gesta da protagoniste sono state messe in ombra, sminuite, declassate… ebbene voglio di certo creare un cliché al contrario. Quello che vorrei raccontarti qui è piuttosto qualcosa che ha a che fare con il tuo ruolo di imprenditrice, un ruolo che va oltre la descrizione classica di colei che è a capo di un’azienda, che amministra seleziona e gestisce il personale… 

No! Tu oltre hai questo sei un modello di vita e un elemento di speranza (in senso buono e romantico) per le generazioni a venire. Perché tu simboleggi il cambiamento, tu simboleggi un nuovo modo di intendere il lavoro e la vita stessa.

Continua a leggere
Come vincere l’insicurezza: i 9 consigli di Michaela Gariboldi
Impresa e Donna

Come vincere l’insicurezza: i 9 consigli di Michaela Gariboldi 

Essere sicure di noi stesse non è sempre così facile. Ci sono momenti in cui tutto sembra crollarci addosso, in cui non vediamo alcuna soluzione all’orizzonte. Talvolta guardiamo gli altri e ci diciamo: “ah come vorrei essere come lei/lui”, “quello/a lì è davvero forte”… 

E così ci dimentichiamo quanto forti siamo anche noi. Spostiamo il nostro focus altrove, sperando che desiderare di essere come qualcun altro ci aiuti a stare meglio. E invece no, invece stiamo inesorabilmente peggio. 

Ma allora come si fa in quei momenti a ritornare convinte e convincenti? Come si fa a vincere quell’insicurezza? 

L’ho chiesto a Michaela Gariboldi. Michaela Gariboldi è socia di Open Source Management, CEO di OSM Real Estate. Da anni opera nel settore della consulenza aiutando gli imprenditori a realizzare i propri sogni. Una venditrice e una leader eccezionale che ha fatto della determinazione un suo stile di vita. In questo articolo ci condividerà 10 strategie utili per ripristinare la nostra volontà di vincere, di farcela, di riemergere per uscire da una condizione di mera sopravvivenza e liberare tutto il nostro grande potenziale.

Continua a leggere
Superare il divario di genere: realtà o utopia? Intervista a Francesca Cipriani
Impresa e Donna

Superare il divario di genere: realtà o utopia? 

Sono anni che si parla del divario di genere nel mondo del lavoro. Dal 2006 il World Economic Forum ha introdotto il Global Gender Gap Report, ossia un insieme di dati che fornisce un quadro del divario di genere in tutti i paesi del mondo.
Questo report si basa su criteri che analizzano le condizioni economiche, politiche, educative e di salute di uomini e donne del Pianeta, di cui poi ne fornisce una classifica. Questo sistema presenta dati utili, ma anche tanti limiti e punti critici. Non è però mio intento parlarne qui.
Ciò su cui vorrei porre l’attenzione in questo articolo è più che altro il concetto stesso di “divario di genere”. O per meglio dire di “divario” in generale…

Non vorrei pertanto polarizzare la discussione rispetto a “chi sta meglio” o “chi sta peggio”.
Quello che vorrei, è più che altro dare consistenza e voce ad alcune domande:
come possiamo agire (insieme, sia uomini che donne) affinché questo “divario” sia sempre meno impattante?
Come possiamo agire affinché emerga sempre di più la bellezza delle “differenze”, a scapito del “divario”?
E infine: è possibile cambiare le cose partendo da noi? O siamo inesorabilmente costretti ad aspettare l’intervento di qualcuno dall’alto?

Ho parlato di tutto questo con Francesca Cipriani, giovane professionista nel mondo della consulenza e della formazione imprenditoriale, ad oggi Operation Manager presso OSM Partner Trapani. La sua storia è emblematica e ci accompagna in questa riflessione.

Continua a leggere
La felicità non può aspettare: la storia della Military Coach Elisa Piccicuto
Impresa e Donna

La Felicità non può aspettare. La storia della Military Coach: Elisa Piccicuto 

Non posso. È difficile. È impossibile.
Non mi capiranno. Non mi ascolteranno. Non funzionerà.

Elisa Piccicuto aveva moltissime buone ragioni per pensarlo. Sapeva che il suo sogno sarebbe stato caratterizzato da tante resistenze, dubbi e pregiudizi.

Avrebbe potuto vivere una vita all’insegna della frustrazione e dei rimpianti, avrebbe potuto passare una vita lamentandosi delle ingiustizie e delle difficoltà.

Ma lei ha scelto un’altra strada. Quella dell’abilità, della forza e della libertà.

Elisa ad oggi è un’imprenditrice con un’attività in forte espansione. Una donna libera, che nel giro di 4 anni è riuscita ad uscire dall’operatività delegando tutto brillantemente, e che oggi vive la quotidianità che aveva sempre sognato.

Come ha fatto? Continua a leggere…

Continua a leggere
Fashion Therapy: come raggiungere obiettivi e benessere grazie allo Stile
Impresa e Donna

Fashion Therapy: come raggiungere obiettivi e benessere grazie allo Stile

Quante volte ti sei ritrovata ad osservare il tuo armadio e a pensare: “non ho nulla da mettermi!”? Quante volte hai pensato di non avere nessun capo che ti facesse sentire davvero bella, forte e a tuo agio? Sicura di te e invincibile agli occhi di chiunque altro?

Scommetto che spesso ti sei ritrovata, proprio come me, a comprare un sacco di vestiti che ora sono lì a prendere la polvere, vestiti che non ti rappresentano davvero e che dopo averli messi una volta soltanto… non ti piacevano più.

Qualcuno potrebbe pensare che questi siano i tipici capricci “da donna”. Frivolezze di poca importanza tipiche dell’emisfero femminile fatto di scarpe, trucchi e borsette. Una roba da donne superficiali insomma, incontentabili, che nonostante abbiano un armadio che straborda hanno sempre una buona ragione per lamentarsi davanti allo specchio.

Chi la pensa così, forse non sa che l’armadio è lo specchio del nostro inconscio e che tutto quello che vi mettiamo dentro non è altro che la rappresentazione del nostro stato d’animo, delle nostre paure, delle nostre insicurezze, dei nostri bisogni.

Ho parlato di tutto questo con Loretta Valentino, un’imprenditrice affermata nel settore dell’abbigliamento nonché consulente d’immagine e Fashion Therapist.

Continua a leggere
Mettersi al primo posto: se non vinci prima tu, non vinceranno le persone che hai attorno.
Impresa e Donna

Mettersi al primo posto: se non vinci prima tu, non vinceranno le persone che hai attorno. 

Le donne spesso sono vittime di un terribile cortocircuito: prima vengono gli altri, poi veniamo noi.  Nella corsa indaffarata tra lavoro e famiglia, spesso chi si mette all’ultimo posto della lista delle cose di cui preoccuparsi siamo proprio noi, intente a pensare a come far star bene chiunque altro.

Me ne dà conferma Clarissa Pozzoli networker di successo di Olife che ad oggi gestisce decine di persone ed è un punto di riferimento per la sua azienda.

“Spesso quando mi ritrovo a fare i colloqui di selezione molte donne mi dicono che non hanno abbastanza tempo per i loro sogni, o che non ne hanno mai avuto prima. Come se pensare alla realizzazione dei propri obiettivi fosse qualcosa di secondario che può essere rimandato o messo in stand-by finché prima ‘tutto il resto’ non è ok: la famiglia, i figli, la casa, i propri genitori, eccetera”. 

Il fatto è che, come ci insegnano le regole della delega, se prima non vinciamo noi difficilmente riusciremo a far vincere le persone attorno a noi. Se, infatti, continuiamo a pensare prima agli altri è molto probabile che il nostro vero riscatto non ce l’ avremmo mai.

E fra rimpianti e rimorsi, potremmo ritrovarci a vivere una vita di frustrazione in cui ci sembra di aver fatto tantissimo per gli altri, senza alcun riconoscimento in cambio. Nell’assenza di gratitudine e benevolenza. Entrando così in un circolo vizioso per cui più ci impegniamo per gli altri meno riusciamo ad ottenere risultati.

Continua a leggere
La potenza del sorriso. Un’intervista a Michaela Varone
Impresa e Donna

La potenza del sorriso. Un’intervista a Michaela Varone 

Troppo spesso il potere del sorriso viene banalizzato, screditato o semplificato. Eppure è l’arma più potente che abbiamo per far fronte alla vita, per crescere, superare gli ostacoli più difficili, aiutare noi stessi e gli altri a stare meglio.

Una donna che sorride talvolta, soprattutto nel contesto professionale, è percepita come “leggera”, poco seria, superficiale e frivola. Una persona che non dà il giusto peso alle cose importanti della vita, quelle sfidanti, così complesse e intricate che generalmente il sorriso lo tolgono, per lasciare spazio alla preoccupazione e al pensiero.

Ne ho parlato con Michaela Varone, CEO di Labor consulting (società di consulenza del lavoro che offre dal 2005 servizi di consulenza alle aziende), socia di Partner di Impresa nonché moglie e mamma di un bellissimo bambino.

Michaela ha fatto del suo sorriso la sua bandiera. Un vero e proprio stile di vita, un principio guida che da anni le permette di vivere la vita che vuole: una vita fatta sì di innumerevoli sfide, ma piena di orgoglio, amore e bellezza.

Continua a leggere
“Se vuoi vivere una vita da favola devi essere disposta ad entrare nel bosco!” Un’intervista a Laura Sessa
Impresa e Donna

“Se vuoi vivere una vita da favola devi essere disposta ad entrare nel bosco!” 

nche le principesse delle favole, prima di arrivare a vivere la vita dei loro sogni devono imbattersi in dure prove. Devono rendersi conto che non tutto è come appare e che per vincere è necessario lottare, rischiare, prendere decisioni difficili. Devono essere disposte ad addentrarsi nei pericoli del bosco. 

Laura nel “bosco” ci entrata da tempo, perché ha deciso di non accontentarsi, di vivere una vita piena e felice, al di là di ogni resistenza e giudizio. Ed è per questo che le ho chiesto di svelarci alcuni dei suoi segreti…

Continua a leggere