• BANNER-mastermind.png
  • medical
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • carlo partipilo
  • mazzotta desktop
  • BANNER-virtual-coac.png
  • osmcoin promo
  • bella vita cinzia
  • guru jobs
  • BANNER-osmcoin.png
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • polidori
  • mazzotta
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • sogi
  • banner medical mobile
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • carlo partipilo
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • osmcoin promo mobile
  • sogi
  • polidori
  • guru mobile

Quale futuro per le aziende?Il segreto è una nuova LEADERSHIP, scopriamo quale.

Segui Aline Improta
( 7 Followers )
X

Segui Aline Improta

E-mail :*


Molte aziende di molti settori lamentano la difficoltà di reperire persone “valide” in qualsiasi ruolo.
«I giovani d’oggi non vogliono più lavorare! Sono instabili, non si capisce cosa vogliono, non sai come prenderli… eppure io offro un buon lavoro!»
…E se il problema non fosse all’esterno?


Vista così sarebbe una situazione molto critica, un futuro incerto. La verità è che il rimedio c’è ed è più semplice di tanti altri problemi che ci troviamo ad affrontare nella nostra vita: bisogna cambiare.

John Fitzgerald Kennedy a tal proposito affermò: “il cambiamento è la legge della vita. Quelli che guardano solo al passato o al presente, sicuramente perderanno il futuro.”

Per creare un ambiente produttivo e un’azienda in cui le persone hanno voglia di entrare a far parte e dare il massimo di sé devi prendere consapevolezza di una cosa: dipendi completamente dall’atteggiamento degli altri nei tuoi confronti. Esso può determinare il successo o il fallimento della tua azienda.
Devi cambiare te stesso per cambiare gli atteggiamenti di chi ti sta attorno.

Ora probabilmente ti starai chiedendo: come è possibile cambiare l’atteggiamento di qualcun altro? Come posso influenzare gli altri affinché sposino la mia causa? Come posso ottenere quello che voglio dalle persone?

La risposta a queste domande e a tante altre è una sola:
il potere della Leadership.

Un leader conduce (l’etimologia del termine deriva appunto dall’inglese to lead = condurre) e lo fa con l’esempio. È in grado di accendere le persone, di far desiderare un risultato, di farlo ottenere.
Da come puoi capire già da questa prima definizione, la leadership è un grande potere. Nulla di magico, ma i risultati che riesce a concretizzare sembrano davvero magici.

Ti dò una bella notizia: la leadership non è solo un’attitudine, si può imparare. Per farlo devi ripartire da te.

Per diventare un leader, bisogna innanzitutto assicurarsi di avere e mantenere un alto livello di “energia vitale” personale: perseguire ideali o avere dei sogni che tengano acceso il proprio interesse per la vita, sviluppare e mantenere atteggiamenti costruttivi e motivanti, valorizzare le relazioni personali, cercare di andare oltre la pretta gestione delle cose materiali dell’azienda.
Per questo motivo è importante iniziare a diventare consapevoli della nostra energia.

Un imprenditore quando dà vita alla sua azienda è generalmente dotato di una grande vitalità e forza positiva. La avvia sulla strada della crescita e la vede continuare a crescere nella misura in cui continua a farsi guidare dai sogni, dagli ideali nobili e da un’etica salda. Ma nel momento in cui inizia a concentrarsi unicamente sugli affari, sui fattori finanziari o produttivi perdendo di vista e non tutelando la sua energia vitale e quella del suo gruppo, non sa che ha invertito la rotta: è sulla strada del declino.

Un po’ alla volta si troverà a gestire unicamente i propri affari senza più condire il tutto con quella carica, quella speranza, quegli ideali e quell’attenzione alle persone che sono la benzina che ispira, motiva e fa la differenza in un’azienda.

L’energia vitale tua e del tuo gruppo, quindi, costituisce una vera e propria forza e sono l’ANIMA dell’azienda. 

Il mondo è cambiato e le persone non cercano più un impiego per la vita, cercano la felicità. Desiderano lavorare in un ambiente positivo e armonioso (trascorriamo l’80% della nostra vita a lavoro, come dargli torto!) dove c’è umanità e comprensione, vogliono sentirsi parte di un gruppo in cui identificarsi per sogni e ambizioni e sentirsi coinvolti in un progetto più grande, sentirsi importanti come persone insomma.

Ritorna di moda l’essere umano. L’azienda del futuro è più umana.

Gli esseri umani a differenza dei robot, sono composti e si alimentano di energia vitale, non elettrica. Appurato, viene da sé che non possiamo pensare di gestire le persone come delle macchine, sono fatte di emozioni e queste guidano tutto il loro agire.

In questi giorni ho letto degli articoli molto interessanti che avvalorano la tesi del potere dell’energia vitale e che questa parta in gran parte dal cuore. Ricercatori hanno dimostrato che il cuore umano genera il campo energetico più esteso e potente di tutti gli organi del corpo, cervello compreso. Il campo elettrico (misurato dell’elettrocardiogramma) è all’incirca 60 volte più potente di quello generato dalle onde cerebrali registrate da un elettroencefalogramma. Partendo dall’area del cuore che tale campo di energia si diparte all’esterno del corpo.
Quando ci troviamo in uno stato coerente e armonico, sia il cuore che il cervello operano in maniera sinergica, come se si trattasse di un unico organo. In questo stato di coerenza cardiaca il cuore irradia un campo di energia elettromagnetica che si espande e arriva anche agli altri.
Il campo magnetico del cuore risponde alla qualità delle emozioni e sentimenti che generiamo nella nostra vita, l’armonia che ne consegue incide sulla lucidità mentale e sulla produttività.

Ogni cuore, quindi, può fare la differenza. È scienza.

La connessione emotiva che si viene a creare tra il collaboratore e il leader o tra il collaboratore e la meta dell’impresa non può essere sostituita da modelli organizzativi, sistemi di budget, sistemi di gestione tramite statistiche. Non possiamo scindere le nostra persona dai ruoli che ricopriamo in ogni area della vita e non possiamo vivere pensando che non siamo tutti interconnessi.

Questa è l’evoluzione in cui ci troviamo. Questo è il cambiamento che dobbiamo mettere in moto.
Nei secoli gli esseri umani hanno costruito sistemi di tecnologie, economie, governo ed educativi che non tengono conto appropriatamente delle caratteristiche dei sistemi viventi sani. È giunto il momento di curarsene.

 “Tutte le cose, materiali e spirituali, hanno origine da una fonte e sono collegate come una sola famiglia. Il passato, il presente e il futuro sono contenuti nella forza vitale. L’universo è emerso e si è sviluppato da una fonte e ci siamo evoluti attraverso il processo ottimale dell’unificazione e armonizzazione”.

                                                                                                                                                           Morihei Ueshiba, The Art of Peace

Il leader del futuro deve essere capace di motivare e mobilitare energie (partendo da sé) e non solo risorse, dando e condividendo delle mete, moltiplicare il potenziale di leadership creando spazi nei quali i collaboratori possono sentirsi dei punti di riferimento in base alle loro capacità e attitudini. Infine, ma non per ultimo, disegnare e gestire spazi per una leadership collettiva attraverso la delega, ponendo le basi per un successo non solo personale, ma aziendale e delle altre persone.

Il famoso scrittore statunitense Daniel Goleman parla di leadership emotiva, una competenza basata su abilità legate agli aspetti emotivi e di relazione, skills che hanno dimostrato di fare veramente la differenza nelle organizzazioni.
Il leader descritto da Goleman ha la capacità di creare risonanza, di stimolare comportamenti che permettano di suscitare emozioni positive, entrando in contatto e influenzando il cervello emotivo dei propri collaboratori.

Essere leader del futuro è quindi una questione di cuore e di energia. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri.

Segui Aline Improta
( 7 Followers )
X

Segui Aline Improta

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • banner medical mobile
  • sogi
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • guru mobile
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • sogi
  • banner-mobile-mastermind.png
  • mazzotta
  • osmcoin promo mobile
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • polidori
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • carlo partipilo
  • banner-mobile-virtual-coach.png
Avatar photo

Aline Improta

La scrittura è fin da piccola il mio grande amore. Giornalista pubblicista dal 2010, negli ultimi dieci anni, ho riversato la mia passione in un altro settore: il marketing. Dopo anni a scrivere per le aziende, ritorno all'anima che c'è dietro ognuna di loro: gli imprenditori e tutte le persone che vivono in quell'ecosistema. Vi starete chiedendo come... Sono Editor e Ghostwriter per Engage Editore. la prima casa editrice italiana che pubblica libri dedicati agli imprenditori scritti da imprenditori. Amo le persone e credo che in ognuna di esse ci sia una luce da tirare fuori e una bellissima storia da raccontare.

2 thoughts on “Quale futuro per le aziende?Il segreto è una nuova LEADERSHIP, scopriamo quale.

  1. Cara Alina,
    ho trovato molto interessante, chiaro ed ordinato il tuo scritto, anche se mi permetto di aggiungere che oltre all’energia, ed all’intelliggenza emotiva, ad un Leader serve il desiderio di continuare ad allenarsi, una buona dote di comunicazione chiara ed efficace, ma anche tanto ascolto ed empatia con i collaboratori, con un mix di intelligenza analitica e intelligenza politica o diplomazia.

    Tu che ne pensi?

    1. Buonasera Mario, è esatto tutto quello che hai detto. Ma in ordine cronologico è si deve ristabilire prima il contatto con la propria energia vitale e poi si procede con il resto.
      Se non ci si mette a posto con la propria energia e le proprie emozioni è impossibile aver voglia di mettersi in gioco, comunicare bene con il prossimo e costruire delle buone relazioni.
      Tutto parte sempre da un’origine. Nel momento in cui comprendiamo che questa origine siamo noi, abbiamo intrapreso il giusto per corso per prendere in mano la nostra vita, le nostre relazioni e influenzare l’ambiente. Siamo più potenti di quanto immaginiamo.

      Grazie mille per il commento, continua a seguirci.

      Aline

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

segreti
Azioni Vincenti nella Gestione di Impresa

I segreti di Giancarlo De Luca per diventare un imprenditore milionario

Sei pronto a scoprire i segreti di un vero e proprio self-made man? Giancarlo De Luca mi dice la sua idea milionaria.

Continua a leggere
idee da milionario
Azioni Vincenti nella Gestione di Impresa

Da pizzaiolo a imprenditore in 7 anni: le idee da milionario di Olindo Cren 

Quali sono le idee da milionario che portano una persona comune a diventare un imprenditore di successo? Ne parlo con Olindo Cren.

Continua a leggere
Gestione del tempo
Azioni Vincenti nella Gestione di Impresa

5 pareri controintuitivi che ti aiuteranno nella gestione del tempo 

Quante volte hai sentito dire che il tempo è denaro? 

In realtà, il tempo è molto di più. È la risorsa più preziosa di cui disponiamo, e come imprenditori, dobbiamo imparare a gestirla con saggezza e metodo.

Continua a leggere