• BANNER-virtual-coac.png
  • BANNER-mastermind.png
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • carlo partipilo
  • polidori
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • mazzotta desktop
  • BANNER-osmcoin.png
  • guru jobs
  • bella vita cinzia
  • medical
  • osmcoin promo
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • carlo partipilo
  • mazzotta
  • sogi
  • banner-mobile-mastermind.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • guru mobile
  • osmcoin promo mobile
  • banner medical mobile
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • polidori
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • sogi
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png

Portafoglio d’investimenti in caso di guerra: solo esercizio teorico, non dovremo mai utilizzarlo

Segui Paolo Ruggeri
( 17 Followers )
X

Segui Paolo Ruggeri

E-mail :*

di Paolo Ruggeri

Poche settimane fa, un cliente mi ha scritto chiedendomi che tipo di portafoglio costruirei in caso di guerra conclamata tra Nato e Russia. Premetto che, anche se ritengo che siamo in un momento particolare nella storia del mondo, io non penso che entreremo, almeno nei prossimi quattro-cinque anni, in una guerra mondiale. Però l’idea mi ha un po’ sfidato e ci ho fatto due ragionamenti veloci.

Ho ipotizzato tre scenari:

Scenario 1

Guerra mondiale Nato-Russia-Cina-Iran con ostilità in zone del mondo lontane da noi (Ucraina, Sud Est Asiatico, Africa, Medio Oriente, ecc):

Oro 50% fisico (acquistabile su StoneXBullion.com il vecchio CoinInvest), 50% finanziario (acquistando, un ETF che investa in oro fisico, quale per esempio Wisdom Tree Physical Gold, ISIN JE00B1VS3770).

Petrolio: il prezzo del petrolio sale durante le guerre e nei momenti successivi di ricostruzione (qui però bisognerà trovare il veicolo giusto per investire in quanto le fonti di approvvigionamento, o i Paesi o Aziende produttrici, in caso di ostilità potrebbero essere distrutte)

ETF di Paesi Neutrali (di base direi l’India su cui ho già messo l’occhio da un po’, in quanto è uno dei Paesi con maggior potenzialità di sviluppo – utilizzerei l’ETF di Amundi ISIN LU1681043086, Svizzera?, Vietnam? Argentina?) in quanto questi Paesi che diventeranno fornitori delle parti in causa e avranno immigrazione, trasferimento di denaro, ecc

Immobiliare in Paesi neutrali o non allineati (per esempio Costa Rica. Il Costa Rica, tra le altre cose, sarebbe secondo la mia ricerca uno dei Paesi più sicuri in caso di guerra atomica).

Se vuoi maggiori informazioni su come investire nell’immobiliare in Costa Rica, leggi l’intervista a Ivan Cervellin sulla nostra rubrica Investimenti: Costa Rica investimenti da sogno.

Scenario 2

Guerra mondiale stile WWII con distruzione delle città anche in Europa:

Ovviamente il primo investimento sarebbe quello di mettere al sicuro se stessi e la propria famiglia. La vita non ha prezzo e il potersi trasferire da un’altra parte in cui poter ricominciare non sarebbe una cattiva idea (a questo proposito sottolineo che mai come in questi momenti un imprenditore dovrebbe avere il passaporto pronto e rinnovato e avere almeno una parte del proprio patrimonio già all’estero. Non possiamo pensare a queste cose al momento della crisi).

Non potendo fare quanto sopra:

  • Oro Fisico
  • Benzina Fisica (però difficile da stoccare e da nascondere)
  • Generi di contrabbando (sigarette, alcool etc)
  • Possedere almeno un po’ di valuta estera forte, vedi dollari o franchi svizzeri.  
  • Investimenti, anche in perdita, in Paesi neutrali (vedi l’esempio del Costa Rica) per poter avere un capitale con cui ricominciare dopo le ostilità
  • Pallottole e sistemi di difesa personale

Attenzione che, in caso di scoppio di eventuali ostilità locali, nonostante i servizi bancari dovrebbero comunque funzionare è probabile che non sarà più possibile accedere a conti titoli, mercati borsistici o ad acquistare valuta estera. 

Scenario 3

Guerra atomica

L’unico “investimento” possibile, ipotizzando uno scenario del genere, sarebbe il trasferimento IMMEDIATO in un Paese neutrale – lontano il più possibile da basi militari – dotato di autonomia alimentare e possibilmente non troppo affetto da delinquenza. L’anno scorso avevo ipotizzato il Costa Rica. Probabilmente altri luoghi potrebbero essere l’Argentina, alcuni Paesi dell’Africa e la Nuova Zelanda.

Ricordati che, in caso di una guerra di questo tipo, non avrai più di 48 ore dal momento di avvisaglia di precipitazione della crisi (per esempio: gli USA abbattono un aereo russo o la Russia colpisce una base Nato) per lasciare il Paese, poi non sarà più possibile perché probabilmente verranno chiuse le frontiere e cancellati tutti i voli.

  • Acquistare terreni e fattorie, o quote di partecipazione in fattorie e fabbriche locali, sperando che non vengano espropriate.
  • Tramutare la maggior parte del proprio denaro in oro, ed esportarlo dichiarandolo, se si superano i 10.000 euro di valore, alle dogane.
  • Una Bibbia per pregare!

Se non si fosse in grado di fuggire: acqua, medicinali, viveri, sistemi di difesa e tutti gli equipaggiamenti descritti nei manuali di sopravvivenza per le catastrofi.

Anche se mi rendo conto che siamo in un momento particolare della storia del nostro pianeta, non credo che avremo uno dei tre scenari di cui sopra, perlomeno nel breve. Probabilmente ci avvicineremo a uno scenario simile al primo, ma poi credo che la ragione prevarrà. Il mondo è fatto da troppe persone intelligenti che piano piano capiranno che è finita l’era di farsi guidare da politici guerrafondai.

Nascerà quindi un nuovo mondo basato sulla Pace e sulla cooperazione. Questa è la vera battaglia di oggi. Non quella tra Russia e Nato o Cina, ma quella tra chi vuole la Pace e chi vuole la guerra. I primi sapranno prendere il potere e cambiare tutto.

E nascerà un mondo di grande opportunità per il genere umano.

Paolo Ruggeri

Sito web
Pagina Facebook

Segui Paolo Ruggeri
( 17 Followers )
X

Segui Paolo Ruggeri

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • banner-mobile-mastermind.png
  • sogi
  • guru mobile
  • polidori
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • mazzotta
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • carlo partipilo
  • banner medical mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • sogi

Paolo Ruggeri

Paolo A. Ruggeri è un imprenditore che gestisce numerose aziende in diversi paesi nel mondo. Socio fondatore di OSM, società Italiana di consulenza che aiuta gli imprenditori a comunicare con i dipendenti, a far crescere il loro business e ritrovare la motivazione in azienda, con più di quindici sedi distribuite in Europa, Stati Uniti, Canada, Russia e Medio Oriente. Inoltre, dirige o possiede partecipazioni in aziende in svariati altri settori intorno al mondo, dall'immobiliare all'Editoria, dalla consulenza per l'internazionalizzazione d'impresa al marketing e alla ristorazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scenari ed Analisi Economiche

IA: l’evoluzione dell’economia e i pericoli globali ai quali andiamo incontro

Segui Francesco Iavarone ( 1 Followers ) X Segui Francesco Iavarone E-mail :* Segui Francesco Iavarone Smetti di seguire Francesco Iavarone Anni fa, pensando all’intelligenza artificiale, si palesavano nell’immaginario comune scene di film fantascientifici e di tecnologie ancora lontane. Brillavano magari scene di Star Wars e Star Trek nelle menti degli appassionati. O magari di […]

Continua a leggere
Scenari ed Analisi Economiche

Andorra – Piccolo stato nascosto con Vantaggi fiscali e alta Qualità di vita

Segui Francesco Iavarone ( 1 Followers ) X Segui Francesco Iavarone E-mail :* Segui Francesco Iavarone Smetti di seguire Francesco Iavarone Ci troviamo in Andorra. Il Principato di Andorra è un micro-stato indipendente sui Pirenei, situato tra Francia e Spagna. Deve la sua indipendenza a un trattato del 1278 tra i grandi di allora che […]

Continua a leggere
I "nonni" al potere
Scenari ed Analisi Economiche

I “nonni” al potere

Segui Matteo Gardelli ( 3 Followers ) X Segui Matteo Gardelli E-mail :* Segui Matteo Gardelli Smetti di seguire Matteo Gardelli I “nonni” al potere. È l’attuale scenario che vede otto “anziani” alla guida dei 10 paesi più popolosi della Terra. Tradotto: metà della popolazione mondiale è nelle mani di figure con più di 70 […]

Continua a leggere