• carlo partipilo
  • BANNER-virtual-coac.png
  • desktop barbagallo
  • bella vita cinzia
  • polidori
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • guru jobs
  • osmcoin promo
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • BANNER-osmcoin.png
  • giro in mongolfiera desktop
  • valentini desktop
  • augurale desktop
  • BANNER-mastermind.png
  • gh garda dektop
  • medical
  • gh dubai desk
  • gh Garda
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • sogi
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • Valentini mobile
  • banner medical mobile
  • polidori
  • sogi
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • giro in mong mobile
  • gh dubai mob
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • barbagallo mobile
  • guru mobile
  • augurale mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • carlo partipilo
  • osmcoin promo mobile

Opportunità di finanziamento per le PMI

finanziamento per le PMI
Segui Francesca Turriciano
( 15 Followers )
X

Segui Francesca Turriciano

E-mail :*

Ottenere un finanziamento per le PMI è diventato cruciale per sostenere la crescita, l’innovazione e la competitività delle attività. Con tante opzioni disponibili, dalle linee di credito tradizionali ai finanziamenti alternativi, è fondamentale per gli imprenditori comprendere quale sia la soluzione più adatta alle loro specifiche esigenze.

Oggi abbiamo il piacere di intervistare Paolo Traina, commercialista e Partner d’Impresa. Grazie alla sua esperienza, Paolo ci guiderà attraverso le migliori opportunità di finanziamento disponibili e ci fornirà preziosi consigli su come sfruttarle al meglio, garantendo al contempo un risparmio fiscale ottimale.

Se sei un imprenditore in cerca di risorse per espandere la tua attività, innovare i tuoi processi o semplicemente gestire meglio la tua situazione finanziaria, le informazioni e i suggerimenti che Paolo Traina condividerà saranno essenziali. Non solo scoprirai le opzioni di finanziamento più efficaci, ma imparerai anche come integrarle in una strategia fiscale vantaggiosa, massimizzando così il beneficio per la tua impresa.

Quali sono le attuali opportunità di finanziamento per le PMI?

I prestiti bancari rimangono una delle fonti più comuni di finanziamento per le PMI. Le banche offrono varie tipologie di prestiti, tra cui prestiti a breve termine per esigenze immediate di liquidità e prestiti a lungo termine per investimenti.

Il governo italiano e la comunità europea offrono programmi di finanziamento agevolato per supportare le PMI. Questi programmi possono includere prestiti a tasso di interesse agevolato, sovvenzioni e garanzie sui prestiti. Ad esempio nella comunità europea i programmi di finanziamento come Horizon Europe che per il 2024 ha stanziato 7,3 miliardi di euro e il Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI) gestito dalla Banca Europea per gli Investimenti, offrono significative risorse per le PMI.

Il “Private equity”, con fondi di investimento istituzionali e privati, permette di investire, con risorse finanziarie ed operative, in società non quotate con alte potenzialità di crescita per poi dopo alcuni anni disinvestire allo scopo di ottenere un forte guadagno.   

Le società di “Venture Capital” sono generalmente fondi di investimento, che entrano nel capitale di start up, che possiedono enormi potenzialità di crescita e un elevato rischio di non portare a termine la loro missione. Oltre le risorse finanziarie le società offrono competenze manageriali e know how.  

Secondo il report dell’Osservatorio sul Venture Capital nel 2023 vi è stato un aumento di investimenti in start up in cui l’impresa è in uno stato di iniziale sviluppo. Questo permette alle società di venture capital di finanziare imprese con alto potenziale che possono tranquillamente competere nei mercati internazionali. Settori come la biotecnologia, tecnologie digitali, software, robotica, computer quantistici e semiconduttori sono altamente attenzionati dagli investitori. Il settore software è nel gradino più alto del podio con 150 milioni di euro investiti, seguono tecnologie digitali con 138 milioni di euro e strumenti digitali in ambito finanziario (Fintech) con 127 milioni di euro. L’investimento nelle start up italiane proviene per un terzo da fondi stranieri. 

Il crowdfunding è emerso come un’opzione popolare per le PMI, specialmente per quelle con prodotti innovativi. Diverse piattaforme come Kickstarter, Indiegogo, Crowfundme e GoFundMe permettono alle imprese di raccogliere piccoli contributi da un ampio numero di persone.      

I Business Angels sono investitori individuali che forniscono capitale alle start up e alle PMI in cambio di quote societarie. Spesso offrono supporto gestionale, grazie alla loro esperienza imprenditoriale, aiutando lo sviluppo dell’idea alla base del business. Operano in settori in crescita come le energie rinnovabili.     

Il leasing consente alle PMI di utilizzare beni, anche di valore rilevante, senza doverli acquistare direttamente, pagando invece un canone periodico.

Il factoring, invece, permette di ottenere liquidità immediata vendendo i propri crediti commerciali ad un valore più basso del reale valore di incasso.

Il microcredito offre piccoli prestiti alle imprese che non riescono ad accedere ai tradizionali canali bancari. Questo è particolarmente utile per le PMI in fase iniziale o situate in regioni meno sviluppate.           

Le imprese, orientate verso la transizione ambientale e tecnologica, possono accedere a finanziamenti a loro riservati del PNRR, con condizioni particolarmente vantaggiose. 

Quali sono le implicazioni fiscali da considerare quando si sceglie un’opportunità di finanziamento per una PMI?

Alcune fonti di finanziamento permettono di maturare crediti di imposta, che possono essere utilizzati mensilmente per compensare, nel modello F24, contributi e imposte dell’impresa.   

Gli investimenti in beni strumentali come beni immateriali (software) e materiali come (attrezzature) comportano che una quota del costo di tali beni riducano il reddito imponibile e le imposte dovute.

Quali sono gli errori comuni delle aziende che ricercano opportunità di finanziamento?

Molte PMI non preparano adeguatamente la documentazione necessaria per chiedere un finanziamento, come progetti di impresa (business plan) dettagliati, previsioni finanziarie e documentazione contabile.  

Le aziende spesso non valutano tutte le opzioni di finanziamento disponibili e possono scegliere la prima che trovano, senza considerare le alternative che potrebbero essere più vantaggiose. Non sempre viene effettuato il confronto tra l’investimento con mezzi propri in alternativa al finanziamento di terzi soggetti, prendendo come riferimento il costo del denaro e il rendimento del capitale investito nell’impresa considerata.   

Per esempio se avessimo un’impresa che, per l’attività svolta, abbia un tasso di rendimento del capitale investito del 20% e il tasso di interesse del finanziamento della banca sia il 9%, ci sono le condizioni affinché si utilizzi il capitale della banca. Il rendimento del capitale di questa impresa  permetterà di coprire il tasso di interesse del 9% della banca e il residuo 11% (20% al netto del 9%) sarà un guadagno extra per l’impresa con capitali di terzi.  Diversamente se il tasso di rendimento dell’impresa fosse il 5% e avesse la liquidità necessaria, sarebbe più conveniente sostenere l’investimento con le proprie risorse senza ricorrere alla banca che propone il tasso del 9%.

Tasso di rendimento azienda> tasso bancaConviene farsi finanziare dalla banca
Tasso rendimento azienda < tasso banca Non conviene farsi finanziare dalla banca

Tale regola è generale, va poi applicata secondo i requisiti di  ogni impresa. Alcuni finanziamenti possono avere costi nascosti, come commissioni di apertura, penali per il rimborso anticipato o tassi di interesse variabili che possono aumentare nel tempo.          

Una gestione inadeguata della liquidità può portare a problemi nel mantenere il flusso di cassa necessario per operare l’azienda, specialmente quando si hanno impegni di rimborso significativi.     

Inoltre è importante fare una riflessione prima di accedere al mercato dei finanziamenti, “quale sarà il mio vantaggio nei prossimi anni a seguito di tale investimento”? Per rispondere a tale domanda, oltre a fidarci del nostro istinto, è necessario redigere un progetto di impresa (business plan) sull’investimento da realizzare valutando la durata, il rischio e la convenienza con un’analisi sui flussi per i maggiori incassi e le maggiori uscite.  Solo allora potremmo essere più consapevoli sulla scelta da effettuare e in quanto tempo l’investimento sarà recuperato. Lo stesso metodo potrò utilizzarlo se voglio conoscere la convenienza tra due investimenti alternativi.  

Come le PMI possono integrare le strategie di finanziamento con le strategie di risparmio fiscale per ottenere il massimo beneficio?

L’integrazione delle strategie di finanziamento con la pianificazione fiscale permette alle PMI di massimizzare i benefici fiscali. 

Ad esempio, utilizzare prestiti che permettono la deduzione degli interessi passivi può ridurre significativamente il reddito imponibile. Le PMI dovrebbero sfruttare i crediti di imposta disponibili come quelli per Ricerca e Sviluppo, formazione dei dipendenti o investimenti in tecnologie verdi. Questi crediti possono ridurre l’importo delle imposte e contributi dovuti. La scelta di ammortizzare beni materiali e immateriali (immobili, marchi e avviamento) su periodi di tempo più lunghi può avere un impatto significativo sul reddito imponibile. Le PMI dovrebbero pianificare gli ammortamenti con finalità anche di risparmio fiscale, coerentemente con la gestione dei flussi di cassa. 

Un altro esempio di vantaggio fiscale si può ottenere investendo su marchi, brevetti, modelli e disegni industriali, know how e software, in quanto i costi sostenuti per la ricerca e sviluppo  dei precedenti beni vengono più che raddoppiati, dal punto di vista fiscale con un notevole vantaggio ai fini delle imposte.

Le perdite fiscali possono essere utilizzate per compensare redditi futuri, riducendo il carico fiscale complessivo. 

Inoltre per chi come persona fisica, società di capitali o altri soggetti giuridici investe nelle start up e PMI innovative ha il vantaggio  fiscale sul  30% della somma investita che è fino ad un massimo di 1 milione di euro per le persone fisiche e fino ad  1,8 milioni per gli altri soggetti.   Affidarsi a consulenti fiscali esperti come i Partner d’Impresa può aiutare le PMI a identificare opportunità di risparmio fiscale che potrebbero non essere così evidenti.

Segui Francesca Turriciano
( 15 Followers )
X

Segui Francesca Turriciano

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • guru mobile
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • Valentini mobile
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • gh dubai mob
  • gh Garda
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • carlo partipilo
  • barbagallo mobile
  • polidori
  • sogi
  • giro in mong mobile
  • banner medical mobile
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • sogi
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • augurale mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco

Francesca Turriciano

Sono una copywriter. E mi ritengo veramente “fortunata” perché per lavoro posso “giocare” con le parole ogni giorno. Ma non solo. Posso dare sfogo a tutto ciò che amo: leggere, soddisfare la mia curiosità infinita e vivere una vita “piena”. Sì, perché il lavoro del copywriter non si ferma alla scrittura. Ogni parola che scrivo è solo la punta dell'iceberg di un mondo ricco di idee, emozioni e visioni. In effetti la scrittura ha creato “un prima e un dopo” nella mia vita ed è stata la chiave che ha aperto la porta alla mia vera essenza. Quando ho lasciato entrare la creatività, ho dato il via a un circolo virtuoso che ha portato nuova energia e tanti stimoli interessanti. È stato come un risveglio che mi ha catapultato in una nuova dimensione, fatta di scoperte sempre diverse, avventure straordinarie e storie da raccontare. Oggi sono qui per condividere questo pezzetto di viaggio insieme ad altri lettori che, come me, sono appassionati della vita e dei suoi infiniti racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

fondi europei
Risparmio Fiscale

Guida ai Fondi Europei: Come funzionano e come accedere (con esempio di progetto)

I fondi europei offrono opportunità significative per gli imprenditori che desiderano finanziare progetti innovativi e di sviluppo.

Continua a leggere
digitale e fiscale
Risparmio Fiscale

Digitale e Fiscale: Rivoluzione per le PMI – Con Mauro Solcia

Il tema che unisce “digitale” e “fiscale”, rappresenta una vera e propria rivoluzione per le PMI, che offre opportunità senza precedenti per migliorare efficienza e competitività.

Continua a leggere
successione aziendale
Risparmio Fiscale

Pianificare la successione aziendale

Affrontare correttamente la successione aziendale rappresenta un passo strategico per garantire la prosperità a lungo termine di un’impresa.

In questa edizione della rubrica Risparmio Fiscale di imprenditore.info, ne parliamo con Fabio Speranza di Partner d’Impresa.

Continua a leggere