• BANNER-imp.info-nuovo.png
  • guru jobs
  • BANNER-virtual-coac.png
  • polidori
  • osmcoin promo
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • bella vita cinzia
  • augurale desktop
  • desktop barbagallo
  • gh garda dektop
  • medical
  • valentini desktop
  • gh dubai desk
  • BANNER-mastermind.png
  • BANNER-osmcoin.png
  • giro in mongolfiera desktop
  • carlo partipilo
  • banner-mobile-mastermind.png
  • guru mobile
  • giro in mong mobile
  • gh dubai mob
  • osmcoin promo mobile
  • sogi
  • augurale mobile
  • polidori
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • gh Garda
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • Valentini mobile
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner medical mobile
  • barbagallo mobile
  • carlo partipilo
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • sogi

Miniserie sulla legge di bilancio 2024: principali misure e novità – PARTE 1

legge di bilancio 2024
Segui Francesca Turriciano
( 14 Followers )
X

Segui Francesca Turriciano

E-mail :*

Benvenuti alla prima puntata della nostra serie dedicata alla Legge di Bilancio 2024. In questa serie di articoli, esploreremo approfonditamente le principali misure e novità introdotte dalla legge pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2023 con il numero 213. Questo provvedimento delineerà il Bilancio di Previsione dello Stato per l’anno finanziario 2024 e il bilancio pluriennale per il triennio 2024-2026, fornendo le fondamenta delle direttive economiche per il prossimo triennio. 

Accompagnati in questa prima parte del nostro viaggio dal Dott. Sergio Ceccotti, Dottore Commercialista Revisore Legale, ci addentreremo nelle implicazioni e nelle opportunità che la nuova legislazione presenta per gli imprenditori e gli operatori economici. La sua competenza nel campo fiscale e la sua profonda comprensione delle dinamiche economiche si rivelano fondamentali per interpretare e applicare al meglio le nuove disposizioni fiscali.

La Legge di bilancio 2024 presenta significative novità che potrebbero impattare direttamente sulle vostre attività. Da opportunità di “rottamazione del magazzino” ad aggiornamenti sulla rivalutazione di terreni e partecipazioni, passando per nuove misure di sostegno agli investimenti e il rifinanziamento del Fondo per la crescita sostenibile, questo articolo sarà la vostra guida completa.

La consapevolezza di queste modifiche normative è cruciale per adottare strategie informate e garantire il successo delle vostre attività. Senza ulteriori indugi, entriamo nel dettaglio delle principali misure e novità introdotte dalla Legge di bilancio 2024.

Cos’è la Legge di bilancio?

Una legge di bilancio, anche detta legge finanziaria, è una legge ordinaria della Repubblica italiana emanata su proposta del governo italiano per regolare la politica economica del Paese per un triennio. Si compone di provvedimenti che caratterizzano la manovra triennale di finanza pubblica che mette in evidenza le misure necessarie a realizzare gli obiettivi stabiliti nel Documento di economia e finanza (DEF).

Principali novità della legge di bilancio 2024

Si riportano di seguito alcune delle principali novità previste dalla Legge di bilancio 2024:

Adeguamento esistenze iniziali (cd. rottamazione del magazzino)

Si tratta della cosiddetta “rottamazione del magazzino”, che consente alle imprese di adeguare i valori contabili delle esistenze iniziali di prodotti finiti, semilavorati, merci, materie prime e sussidiarie all’effettiva consistenza fisica delle stesse. Questo perché accade talvolta, a causa di errori, che le giacenze fisiche e la relativa valorizzazione delle rimanenze finali differiscano dal valore attribuito ai fini contabili.

In sintesi ciò significa che è prevista la possibilità di effettuare l’adeguamento delle esistenze iniziali pagando una imposta e a seconda dei casi anche l’IVA. Tale adeguamento deve essere richiesto nella dichiarazione dei redditi di prossima presentazione e può concretizzarsi attraverso:

  • L’eliminazione totale o parziale delle esistenze iniziali.
  • L’iscrizione di esistenze iniziali in precedenza omesse.

È richiesto, inoltre, il versamento dell’imposta sostitutiva del 18% e dell’IVA se l’adeguamento è effettuato con l’eliminazione delle esistenze iniziali, applicando un particolare procedimento per il relativo calcolo.

L’imposta sostitutiva e l’IVA devono essere versate in 2 rate di pari importo a partire dal versamento a saldo delle imposte sui redditi relative al periodo d’imposta 2023, quindi a partire dal mese di giugno 2024.

Rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni

È stata nuovamente proposta la rideterminazione dei valori di acquisto di:

  • Partecipazioni societarie, possedute a titolo di proprietà/usufrutto;
  • terreni edificabili e con destinazione agricola posseduti a titolo di proprietà, usufrutto, superficie ed enfiteusi.

Il vantaggio di aderire alla rivalutazione comporta che in caso di successiva cessione si riduce notevolmente l’importo delle imposte da versare all’Erario, sostituendo di fatto le aliquote IRPEF progressive (fino al 43%) con l’aliquota prevista per la rivalutazione che è pari al 16%. 

Le partecipazioni e i terreni devono essere posseduti alla data dell’01/01/2024, non in regime d’impresa, da parte di persone fisiche, società semplici, associazioni professionali ed enti non commerciali.

La procedura prevede che entro il 30/06/2024 si provveda:

  • alla redazione e all’asseverazione della perizia giurata di stima;
  • al versamento dell’imposta sostitutiva pari al 16%, da versare in un’unica soluzione o la prima rata di massimo 3 rate annuali di pari importo. In caso di versamento rateale, sulle rate successive alla prima, sono dovuti gli interessi del 3% annuo.

Novità importante consiste nella possibilità di utilizzare per la determinazione delle plusvalenze per i titoli e le quote, posseduti alla data dell’01/01/2024, il valore normale con riferimento al mese di dicembre 2023, in luogo del valore di acquisto.

Nuova Sabatini-TER

Si tratta di una misura volta a sostenere gli investimenti delle imprese, ossia l’acquisto o l’acquisizione in leasing di impianti e macchinari, attrezzature, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali da parte di micro, piccole e medie imprese.

Le Legge di bilancio ha previsto per il 2024 lo stanziamento di ulteriori 100 milioni di euro e la proroga di 6 mesi per i contratti relativi agli investimenti firmati fino al 31 dicembre 2023. Ci saranno a disposizione, quindi, 18 mesi di tempo per concludere gli investimenti previsti. 

Fondo per la crescita sostenibile (FCS)

Il fondo per la crescita sostenibile è destinato al finanziamento di programmi e interventi per il sostegno dei progetti di ricerca e sviluppo, il rafforzamento della struttura produttiva del Paese, l’internazionalizzazione delle imprese e l’attrazione di investimenti dall’Estero e per lo sviluppo di progetti speciali per la riqualificazione competitiva di specifiche aree tecnologiche strategiche per la competitività del Paese.

La Legge di bilancio ha previsto per il 2024 il rifinanziamento del Fondo per la crescita sostenibile con 110 milioni per il prossimo anno e 220 milioni di euro per il 2025.

Concordato preventivo biennale

I contribuenti con la partita IVA, esercenti attività d’impresa, arti o professioni, residenti nel territorio dello Stato, compresi i contribuenti forfettari, potranno accedere alla procedura del concordato preventivo biennale.

Tale procedura prevede che l’Agenzia delle Entrate formuli una proposta per la definizione biennale 2024-2025 del reddito, rilevante ai fini delle imposte sui redditi e dell’imposta regionale sulle attività produttive, e la relativa tassazione di importo fisso. Nei periodi d’imposta oggetto di concordato, i contribuenti sono comunque tenuti agli ordinari obblighi contabili e dichiarativi.

Decorso il biennio oggetto di concordato, permanendo i requisiti, l’Agenzia delle Entrate formula una nuova proposta di concordato biennale relativa al biennio successivo, a cui il contribuente può aderire.  L’adesione non produce effetti ai fini dell’IVA, la cui applicazione avviene secondo le regole ordinarie.

L’adesione alla proposta di concordato potrà avvenire entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi, termine che dal 2024 subirà una anticipazione di due mesi, dal 30 novembre al 30 settembre.

Potranno accedere al concordato preventivo biennale i contribuenti:

  • soggetti all’applicazione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA, ex Studi di settore) con un punteggio di affidabilità fiscale pari almeno a 8 sulla base dei dati dichiarati;
  • privi di debiti tributari ovvero, aver estinto quelli che tra essi sono d’importo complessivamente pari o superiori a 5.000 euro.

Per i periodi d’imposta oggetto di concordato validamente perfezionato, gli accertamenti fiscali non potranno essere effettuati.

Conclusioni legge di bilancio 2024

Comprendere appieno queste normative è fondamentale per adattarsi al cambiamento e capitalizzare sulle opportunità emergenti.

Come imprenditori, è cruciale essere un passo avanti e anticipare le implicazioni fiscali che potrebbero influire sul vostro business.  Ecco perché è importante collaborare con professionisti esperti come i Partner d’Impresa, che possono fornire una consulenza personalizzata e centrata sulla fiscalità aziendale. 

Questa era solo la prima parte della nostra miniserie sulla Legge di Bilancio 2024 e ringraziamo Sergio Ceccotti per il suo contributo.

Ci saranno ulteriori articoli come questo da non perdere assolutamente!

Su cosa vorresti che scrivessimo? Manda una mail a redazione@imprenditore.info per farcelo sapere

Segui Francesca Turriciano
( 14 Followers )
X

Segui Francesca Turriciano

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • guru mobile
  • barbagallo mobile
  • gh Garda
  • Valentini mobile
  • augurale mobile
  • osmcoin promo mobile
  • polidori
  • sogi
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner medical mobile
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • giro in mong mobile
  • sogi
  • carlo partipilo
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • gh dubai mob

Francesca Turriciano

Sono una copywriter. E mi ritengo veramente “fortunata” perché per lavoro posso “giocare” con le parole ogni giorno. Ma non solo. Posso dare sfogo a tutto ciò che amo: leggere, soddisfare la mia curiosità infinita e vivere una vita “piena”. Sì, perché il lavoro del copywriter non si ferma alla scrittura. Ogni parola che scrivo è solo la punta dell'iceberg di un mondo ricco di idee, emozioni e visioni. In effetti la scrittura ha creato “un prima e un dopo” nella mia vita ed è stata la chiave che ha aperto la porta alla mia vera essenza. Quando ho lasciato entrare la creatività, ho dato il via a un circolo virtuoso che ha portato nuova energia e tanti stimoli interessanti. È stato come un risveglio che mi ha catapultato in una nuova dimensione, fatta di scoperte sempre diverse, avventure straordinarie e storie da raccontare. Oggi sono qui per condividere questo pezzetto di viaggio insieme ad altri lettori che, come me, sono appassionati della vita e dei suoi infiniti racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

successione aziendale
Risparmio Fiscale

Pianificare la successione aziendale

Affrontare correttamente la successione aziendale rappresenta un passo strategico per garantire la prosperità a lungo termine di un’impresa.

In questa edizione della rubrica Risparmio Fiscale di imprenditore.info, ne parliamo con Fabio Speranza di Partner d’Impresa.

Continua a leggere
crisi aziendali
Risparmio Fiscale

Strategie per la gestione delle crisi aziendali

Le crisi aziendali sono eventi che ogni impresa può affrontare nel corso della sua esistenza. Comprendere le cause e sviluppare strategie efficaci per gestirle è fondamentale per la sopravvivenza e il successo a lungo termine. 

Continua a leggere
contratti di lavoro
Risparmio Fiscale

Redigere contratti di lavoro conformi – con Fabio Trotta

Come redigere contratti di lavoro conformi? Oggi ne parlo con Fabio Trotta di Partner d’Impresa

Continua a leggere