• BANNER-osmcoin.png
  • desktop barbagallo
  • carlo partipilo
  • BANNER-virtual-coac.png
  • osmcoin promo
  • guru jobs
  • gh dubai desk
  • giro in mongolfiera desktop
  • gh garda dektop
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • bella vita cinzia
  • BANNER-mastermind.png
  • polidori
  • medical
  • augurale desktop
  • valentini desktop
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner medical mobile
  • guru mobile
  • polidori
  • barbagallo mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • gh dubai mob
  • sogi
  • carlo partipilo
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • sogi
  • Valentini mobile
  • augurale mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • gh Garda
  • osmcoin promo mobile
  • giro in mong mobile

L’intreccio fra Blackrock e Israele

L'intreccio fra Blackrock e Israele
Segui Matteo Gardelli
( 6 Followers )
X

Segui Matteo Gardelli

E-mail :*

Oltre 6 trilioni di dollari e 12.300 bimbi morti in 4 mesi. Tenete a mente questi dati, ci aiuteranno a “navigare” nel capitolo: l’intreccio fra Blackrock ed Israele. 

In un articolo del 2018 il Corriere della Sera fa notare che molti hanno sentito parlare di Goldman Sachs, la banca americana con affari in Europa. Pochi sanno cos’è Blackrock. Fondata nel 1988, è una società di investimenti con un valore di 9.420 miliardi di dollari che gestisce patrimoni per – ecco il primo numero – 6,3 trilioni di dollari. Quanto sono 6,3 trilioni di dollari? Semplifichiamo: è tre volte il nostro debito pubblico. 

L’intreccio fra Blackrock e Israele

Se c’è l’intreccio fra Blackrock e Israele perché hai citato il debito pubblico italiano?, vi starete chiedendo. Un attimo di pazienza. Israele, da ottobre, è in guerra contro la Palestina. Per far la guerra ci vogliono le armi. Il primo fornitore di armi a Gerusalemme sono gli Stati Uniti. Nell’ultimo decennio circa il 70% delle armi israeliane è arrivato dagli USA. Nella classifica dei fornitori di Israele, dopo gli Stati Uniti, c’è la Germania con oltre il 20%.

E l’Italia cosa c’entra?

C’entra eccome. Sappiamo con certezza – scriveva a dicembre 2023 Il Sole 24 Ore – che il 52% delle armi italiane finisce nei paesi Nato e Ue. Nel 2021, dopo il Qatar, i nostri migliori clienti erano proprio gli Stati Uniti che in Italia avevano speso addirittura 763 milioni. Seguivano la Francia con 306 milioni e la Germania, appunto, con 263. Nel 2022, il nostro primo acquirente è stata la Turchia con 598 milioni, mentre gli americani, sempre al secondo posto, sono passati a 532 milioni. Pure la Germania ha acquistato più armi in Italia, raggiungendo la cifra di 407 milioni.

Il ruolo della “pietra nera”

D’accordo e Blackrock in tutto questo? La più importante azienda di produzione di armi in Italia è Leonardo, il cui 30,2% appartiene al Ministero dell’Economia e delle Finanze. Chi c’è poi fra i maggiori investitori? Esatto la “pietra nera” che è come il Wi-Fi, invisibile ma presente ovunque. Blackrock è anche nell’azionariato delle americane Lockheed Martin (6,78%), Raytheon Technologies (7,07%) e Boeing (6,07%). La prima azienda è attiva nei settori aerospaziali e della difesa; la seconda sviluppa e produce prodotti ad elevata innovazione tecnologica, missili, sistema di difesa aerea e droni; la terza produce sì veivoli civili, ma anche militari. Indovinate, ora, su cosa scommettono gli speculatori? Sull’aumento della domanda di missili, artiglieria e tecnologie militari che i venti di guerra continuano ad alimentare, trasformando le aspettative future in immediate plusvalenze finanziarie. Proprio Boeing è stata citata dal presidente Joe Biden pochi giorni dopo lo scoppio del conflitto fra Israele e Palestina. Motivo? «Sono state inviate a Israele anche nuove spedizioni di piccole bombe guidate da 250 libbre prodotte dalla Boeing, così come ulteriori attrezzature che convertono le vecchie bombe grezze in munizioni “intelligenti” a guida di precisione». Senza dimenticare che il mercato delle armi registra, in questi mesi, un aumento costante per l’Ucraina e, in un futuro prossimo, anche per quanto accade a Suez

Il massacro dei bambini

Eppure la guerra in Palestina ha già fatto migliaia di morti. Ed è qui che ripeschiamo il secondo dato: a Gaza è in corso il massacro dei bambini. Da ottobre ne sono morti 12.300. Ne sono morti più in Palestina in 4 mesi, che nelle guerre di tutto il mondo in 4 anni. Possibile dunque che nessuno voglia a fermare questa carneficina? 

Sul palco sale ora un altro aspetto per capire il legame fra Blackrock ed Israele. Sappiamo da alcuni anni che il territorio palestinese occupato si trova al di sopra di importanti riserve di petrolio e gas naturale, nell’area C della Cisgiordania (circa il 60% dell’area a cui è negato l’accesso ai palestinesi) e sulla costa mediterranea al largo della Striscia di Gaza. Questi ultimi giacimenti sono parte del più ampio bacino del Levante. Con la possibile complicità determinante del governo israeliano, pare emergere un’opportunità di profitto per i gruppi economico-finanziari che dominano un’economia mondiale in rallentamento. Su 972Magazine, webzine ebraico di notizie e opinioni di sinistra, è stato pubblicato lo scoop di un documento del ministero dell’Intelligence israeliano nel quale si valuta l’idea di espellere la popolazione da Gaza e mandarla verso il Sinai per poi immaginare lì una sua permanenza. Non è la linea ufficiale del governo, è uno scenario tra gli altri (che è il lavoro dell’intelligence preparare), ma è un segnale di uno dei filoni di pensiero che guida le politiche del governo Netanyahu. Quindi Israele, da una parte, dice di esser disposta al cessate il fuoco. Dall’altra le strategie politiche, economiche e militari, non sono mai indipendenti dalle finalità «profit-seeking» dei principali gruppi di potere che ne condizionano e orientano gli indirizzi.

Torniamo a Blackrock e alle sue “fortune”

Torniamo Blackrock. Sapete qual è la grande fortuna della “pietra nera”? I fondi passivi, gli ETF o exchanged traded funds, 72% del suo portafoglio. I fondi passivi non sono nuovi, ma nell’ultimo decennio sono esplosi, occupando oggi il 40% del totale delle azioni nel mondo, con Blackrock leader assoluto di questo settore. La ragione principale del loro boom è che costano poco, 0.2% del valore investito, un decimo circa rispetto ai costi di un fondo attivo. Ma mentre un fondo attivo è gestito da manager che cercano di migliorarne il risultato, un Etf va in automatico, copia come un clone il valore di un indice di borsa. Se le azioni dell’indice vanno su, sale anche il valore dei fondi Blackrock. Il board della “pietra nera” è ben cosciente del peso e dell’influenza che la società, per quanto gestisca i soldi degli altri, esercita a livello planetario. Larry Fink, il CEO, anni fa ha scritto una lettera ai colleghi delle società dove Blackrock è azionista, chiedendo di avere uno «scopo sociale», «non concentrarsi solo sulle performance finanziarie». Che bello, direte. Occhio. «Molti governi sono impreparati ad affrontare il futuro» scrive Fink nella sua lettera e quindi «la società si rivolge sempre di più al settore privato». 

Il legame fra Blackrock e l’Europa

Strano, vero? E pensare che Blackrock in Europa si è fatta conoscere nei giorni bui della crisi economica quando la Troika pretese che la società americana studiasse i conti delle banche a rischio fallimento. In Irlanda e Grecia, poi anche a Cipro e in Spagna e Olanda, la società è stata chiamata a studiare i portafogli delle banche e in particolare la qualità dei crediti deteriorati o a effettuare stress test sulle stesse banche, a proporre una ristrutturazione di alcuni istituti di credito. Nonostante Blackrock sia anche la maggiore azionista di molte di questi istituti di credito. In Irlanda, solo 8 mesi dopo aver consigliato il governo su come ristrutturare 4 banche, la roccia nera ha comprato il 3% della Banck of Ireland, una di quelle salvate. Blackrock è molto “apprezzata” anche dalla BCE che per due volte l’ha chiamata come advisor a preparare gli stress test di banche europee. Banche dove, ancora una volta, Blackrock è azionista di primo piano. Confitto d’interessi?

Solo una coincidenza?

Chiudiamo il cerchio. Vi ricordate dei 12.300 bambini uccisi in 4 mesi dagli israeliani? Indovinate la posizione dell’Ue. Nessun Paese dell’Unione europea si è unito alla causa intentata alla Corte di giustizia internazionale dal Sudafrica contro Israele con l’accusa di genocidio. È solo una strana coincidenza? Sta a voi rispondere.

Segui Matteo Gardelli
( 6 Followers )
X

Segui Matteo Gardelli

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • gh dubai mob
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • gh Garda
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • carlo partipilo
  • Valentini mobile
  • augurale mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • polidori
  • sogi
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • barbagallo mobile
  • osmcoin promo mobile
  • sogi
  • giro in mong mobile
  • guru mobile
  • banner medical mobile

Matteo Gardelli

Compagno di Annalisa, tifoso dell'Inter e dei Boston Celtics. A tempo perso giornalista professionista e scrittore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dibattito e Confronto

Norme anti-covid mai state scientifiche – La notizia censurata in Europa

Segui Francesco Iavarone ( 2 Followers ) X Segui Francesco Iavarone E-mail :* Segui Francesco Iavarone Smetti di seguire Francesco Iavarone Siamo quasi a un quarto di secolo e abbiamo già sperimentato molti strani avvenimenti. Sui libri di storia, oltre che della politica e dei miracoli della tecnologia, si parerà indubbiamente della pandemia più famosa […]

Continua a leggere
Dibattito e Confronto

Biden si ritira – Fiato sospeso nella corsa alla Casa Bianca

Segui Francesco Iavarone ( 2 Followers ) X Segui Francesco Iavarone E-mail :* Segui Francesco Iavarone Smetti di seguire Francesco Iavarone Il presidente Joe Biden ha annunciato la sua decisione di non candidarsi per la rielezione nel 2024. Alla base troviamo la necessità di concentrarsi sui suoi doveri presidenziali, sulle preoccupazioni che concernono la sua […]

Continua a leggere
Dibattito e Confronto

Si mette male per Ursula: censurati i contratti dei vaccini COVID19 e il voto imminente del Parlamento

Segui Francesco Iavarone ( 2 Followers ) X Segui Francesco Iavarone E-mail :* Segui Francesco Iavarone Smetti di seguire Francesco Iavarone La Commissione di von der Leyen ha perso una controversa causa sulla trasparenza dei contratti per i vaccini alla vigilia di un voto cruciale nel Parlamento Europeo per confermare la sua nomina a Presidente […]

Continua a leggere