• BANNER-osmcoin.png
  • osm artigiani piu utili
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • guru jobs
  • bella vita cinzia
  • BANNER-virtual-coac.png
  • medical
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • BANNER-mastermind.png
  • osmcoin promo
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner medical mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • guru mobile
  • osmartigiani piu utili mobile

Le donne del domani: cosa pensano le bambine e le adolescenti del loro futuro? 

Le donne del domani: cosa pensano le bambine e le adolescenti del loro futuro?
Segui Claudia Bosi
( 9 Followers )
X

Segui Claudia Bosi

E-mail :*

Un’intervista a Costanza Agostinelli 

In quali condizioni vivranno le donne delle prossime generazioni? 

Si prospetta un futuro pieno di CEO oppure anche le bambine e le adolescenti di oggi si ritroveranno in un modo del lavoro molto simile a quello che viviamo oggi? 

Quali sono le ambizioni e le paure delle donne del futuro? 

In una società in cui il 52% delle persone tra i 15 e 31 anni non lavora né studia (i famosi NEET) le prospettive sul futuro per i nostri ragazzi non sembrano così rosee e positive. Ma c’è un MA. Un’inversione di rotta sta facendo capolino nelle scuole. In un mondo che cambia così rapidamente, infatti, non possiamo fare affidamento sul passato per poter pretendere fare previsioni così chiare sul futuro. 

Ne abbiamo la conferma tra i banchi di scuola. E a dircelo è una giovane leader, un’educatrice e una donna straordinaria, Costanza Agostinelli, che di scuole ne visita quotidianamente un bel po’! Costanza è Direttore Commerciale di OSM EDU, una realtà che da qualche anno a questa parte aiuta i ragazzi a comprendere loro stessi. Li aiuta a carpire i loro talenti, le loro attitudini, valorizzando l’unicità di ognuno di loro. Non solo, OSM EDU si impegna a mettere in relazione il mondo della scuola con quello dell’impresa. Ha portato decine e decine di imprenditori, non tanto in “cattedra” quanto fra le idee, le aspirazioni e le paure degli uomini e le donne del futuro. 

Educare non significa “insegnare”

Costanza vive i ragazzi come un’estensione di sé stessa. Si riconosce in loro, desidera aiutarli a fare in modo che perseguano i loro sogni, sconfiggendo i loro ostacoli, uno alla volta e liberandoli dagli schemi rigidi di una realtà che, spesso, anche quasi inconsapevolmente, più che motivare e incentivare tende a soffocare. 

Per Costanza educare è qualcosa di molto diverso dall’insegnare. Per lei è una missione di vita, è un processo di miglioramento che coinvolge l’educatore e i ragazzi contemporaneamente. Niente a che vedere con il riempire di informazioni o con il sentenziare cosa si dovrebbe o non si dovrebbe fare. 

Chi meglio di lei dunque può darci una mano a comprendere cosa frulla nella testa delle nuove generazioni e, soprattutto, come vedono il loro futuro… 

Sarà come lo vediamo noi oppure no? Le loro e le nostre preoccupazioni e speranze sugli anni a venire sono le stesse? Cosa percepiscono come desiderabile? Che tipo di mondo vorrebbero per essere felici? 

Un’inversione di rotta: le mete e i sogni delle donne del futuro

“Da un po’ di tempo a questa parte ho avuto modo di verificare una cosa davvero interessante. Le dinamiche maschili/femminili sono molto cambiate. Di base ogni individuo ha una sua parte maschile e una parte femminile, al di là delle consuetudini sociali, quindi ci tengo a precisare che quello che sto per dire non intende dare una norma o definire dei confini, tutt’altro. 

Quando chiedo ai ragazzi di scrivere le loro mete ho visto che molte ragazze desiderano fortemente fare carriera, mentre capita spesso che i ragazzi mi dicano che desiderano per il loro futuro costruire una famiglia. Questo accade perché i loro modelli di riferimento sono diversi da quelli delle generazioni del passato. Non solo, la crescente spinta delle donne verso la conquista della parità di genere ha portato all’attenzione l’aspetto della carriera delle donne al centro di dibattiti quotidiani.”

Attenzione alle generalizzazioni! 

“Tutto questo sebbene abbia dei risvolti positivi importantissimi, da un certo punto di vista non fa altro che spostare la polarità di una dinamica che ci vede tutti coinvolti: o si è pro-donne, o si è pro-uomini. Per lo più in relazione al contesto lavorativo: tutte le donne dovrebbero essere delle leader, o delle CEO d’azienda in contrasto con tutte dovrebbero scegliere di creare la loro famiglia, prendersi cura in modo totalizzante della casa e dei figli. Dedicando loro tutto il tempo e le energie che hanno in corpo. 

Ma le cose in questo modo, se da un lato ci fanno evolvere, da un altro lato, a lungo andare, ci paralizzano negli stessi identici schemi dualistici e polarizzanti del passato. 

Credo quindi che la cosa migliore da fare dal punto di vista educativo sia: 

  1. accettare il cambiamento e cogliere i nuovi trend comportamentali 
  2. sensibilizzare alla complessità cercando di non favorire solo delle posizioni pro-contro 
  3. aiutare le persone a riconoscere e valorizzare la propria unicità”

L’unicità come strumento verso la libertà, la realizzazione personale e la tolleranza

“Capire fin da piccoli che la propria identità è qualcosa di irripetibile significa offrire il fianco a una consapevolezza che spesso viene trascurata: noi non siamo semplicemente maschi o femmine, uomini o donne, CEO o casalinghe. Noi siamo molto, ma molto di più di tutto questo. Il fatto che io abbia un corpo, una voce, dei gusti, dei talenti, delle aspirazioni particolari, che sono soltanto mie, è qualcosa che ci invita a comprendere che abbiamo una strada di fronte a noi, fatta di successi e ostacoli, di vittorie e cadute che fanno parte del nostro processo di crescita in relazione a ciò che vogliamo costruire nel nostro futuro. 

Ecco perché nell’esercizio delle mete, con i ragazzi, il punto non è tanto definire un chiaro punto di arrivo rispetto al lavoro che faranno a 20, 30, 40, 50 anni. Il nodo centrale è più che altro iniziare a domandare ai ragazzi quali sono i valori che li guidano, le missioni sociali che sentono vibrare dentro di loro, le battaglie per cui vorrebbero lottare. 

Tutto questo richiede introspezione, dialogo, ricerca, ascolto e comprensione delle proprie emozioni. Elementi che portano a una chiarezza di intenti e una grande lungimiranza sul proprio percorso di crescita personale e, in modo quasi fisiologico, agevolano la comprensione e la tolleranza verso la diversità e l’alterità. “

Consapevolezza: la strada verso la libertà 

Per molti ragazzi tutto è possibile e se li ascoltassimo senza pregiudizi e giudizi, riusciremmo a vedere l’enormità del loro potenziale. Spesso sono infatti i ragazzi ad insegnarci qualcosa di nuovo e di importante, non il contrario. Loro sanno già tutto, sanno cosa vogliono, sanno cosa provano, sanno in cosa credono. Imparando ad interagire con loro nel modo corretto avremmo la grande opportunità di aiutarli nell’intento di migliorare questo mondo, di costruire qualcosa di grandioso nel prossimo futuro. 

Cerchiamo di non avere noi ansie e paure per le donne del domani, le bambine e le adolescenti che incontro ogni giorno fra i banchi di scuola sono molto più forti e determinate di quanto possiamo immaginare. Invece che trasferire loro il nostro risentimento e le nostre frustrazioni per tutte le cose orribili che abbiamo visto o subito in prima persona, cerchiamo di fare in modo che il loro potere creativo si sviluppi in libertà. 

Educare è aiutare la vita ad incamminarsi nelle ampie e sempre nuove strade dell’esperienza con spirito di gioia, di fratellanza, di desiderio di bene, di responsabilità.
Maria Montessori 

Segui Claudia Bosi
( 9 Followers )
X

Segui Claudia Bosi

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner medical mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • guru mobile
  • osmartigiani piu utili mobile

Claudia Bosi

Editor e Ghost Writer per Engage Editore. Dopo anni di studi di Filosofia sono approdata nel mondo del lavoro e sono riuscita a fare di un dono la mia professione, grazie al contributo di persone illuminate capaci di vedere oltre un semplice curriculum. Io amo le storie delle persone, indago fra sogni ed esperienze vissute. Penso che la scrittura e la lettura siano armi potentissime che l'essere umano ha a disposizione. Le cose essenziali per crescere, comunicare, apprendere e ricordare. In quest'arte c'è la vita e il senso di ogni grande sviluppo e scoperta, è lo specchio dell'anima che riflette l'umanità tutta. Con le parole scritte si rivoluziona il mondo, ci si apre agli altri, si scopre qualcosa di sé, si lascia una traccia indelebile da qui all'eternità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come vincere l’insicurezza: i 9 consigli di Michaela Gariboldi
Impresa e Donna

Come vincere l’insicurezza: i 9 consigli di Michaela Gariboldi 

Essere sicure di noi stesse non è sempre così facile. Ci sono momenti in cui tutto sembra crollarci addosso, in cui non vediamo alcuna soluzione all’orizzonte. Talvolta guardiamo gli altri e ci diciamo: “ah come vorrei essere come lei/lui”, “quello/a lì è davvero forte”… 

E così ci dimentichiamo quanto forti siamo anche noi. Spostiamo il nostro focus altrove, sperando che desiderare di essere come qualcun altro ci aiuti a stare meglio. E invece no, invece stiamo inesorabilmente peggio. 

Ma allora come si fa in quei momenti a ritornare convinte e convincenti? Come si fa a vincere quell’insicurezza? 

L’ho chiesto a Michaela Gariboldi. Michaela Gariboldi è socia di Open Source Management, CEO di OSM Real Estate. Da anni opera nel settore della consulenza aiutando gli imprenditori a realizzare i propri sogni. Una venditrice e una leader eccezionale che ha fatto della determinazione un suo stile di vita. In questo articolo ci condividerà 10 strategie utili per ripristinare la nostra volontà di vincere, di farcela, di riemergere per uscire da una condizione di mera sopravvivenza e liberare tutto il nostro grande potenziale.

Continua a leggere
Superare il divario di genere: realtà o utopia? Intervista a Francesca Cipriani
Impresa e Donna

Superare il divario di genere: realtà o utopia? 

Sono anni che si parla del divario di genere nel mondo del lavoro. Dal 2006 il World Economic Forum ha introdotto il Global Gender Gap Report, ossia un insieme di dati che fornisce un quadro del divario di genere in tutti i paesi del mondo.
Questo report si basa su criteri che analizzano le condizioni economiche, politiche, educative e di salute di uomini e donne del Pianeta, di cui poi ne fornisce una classifica. Questo sistema presenta dati utili, ma anche tanti limiti e punti critici. Non è però mio intento parlarne qui.
Ciò su cui vorrei porre l’attenzione in questo articolo è più che altro il concetto stesso di “divario di genere”. O per meglio dire di “divario” in generale…

Non vorrei pertanto polarizzare la discussione rispetto a “chi sta meglio” o “chi sta peggio”.
Quello che vorrei, è più che altro dare consistenza e voce ad alcune domande:
come possiamo agire (insieme, sia uomini che donne) affinché questo “divario” sia sempre meno impattante?
Come possiamo agire affinché emerga sempre di più la bellezza delle “differenze”, a scapito del “divario”?
E infine: è possibile cambiare le cose partendo da noi? O siamo inesorabilmente costretti ad aspettare l’intervento di qualcuno dall’alto?

Ho parlato di tutto questo con Francesca Cipriani, giovane professionista nel mondo della consulenza e della formazione imprenditoriale, ad oggi Operation Manager presso OSM Partner Trapani. La sua storia è emblematica e ci accompagna in questa riflessione.

Continua a leggere
Ogni tuo desiderio è un ordine: un’intervista a Manuela Toto
Impresa e Donna

Ogni tuo desiderio è un ordine: un’intervista a Manuela Toto 

e avessi di fronte a te un genio che ti dice: “Ogni tuo desiderio è un ordine”, tu che cosa gli chiederesti? 

In uno dei capitoli del suo libro C’era una volta…ma c’è ancora: viaggio in sé stessi attraverso le fiabe, Manuela Toto ci invita a riflettere sulla nostra capacità di desiderare. Una capacità squisitamente umana che ci distingue dal regno animale. Quest’ultimo è infatti animato esclusivamente dalla sfera dei bisogni e dell’istintualità, mentre per noi essere umani, le cose funzionano diversamente… 

Manuela Toto è autrice consulente familiare, coaching umanista, esperta dell’ascolto empatico, specialista nel trasmettere strategie efficaci per migliorare sé stessi. Fondatrice del metodo Fabulab e della community SouLab che ad oggi conta più di 200 iscritti.

Continua a leggere