• barbagallo mobile
  • BANNER-osmcoin.png
  • BANNER-mastermind.png
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • polidori
  • medical
  • osmcoin promo
  • BANNER-virtual-coac.png
  • bella vita cinzia
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • valentini desktop
  • carlo partipilo
  • giro in mongolfiera desktop
  • guru jobs
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • desktop barbagallo
  • carlo partipilo
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • Valentini mobile
  • polidori
  • giro in mong mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • sogi
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • sogi
  • banner medical mobile
  • guru mobile
  • osmcoin promo mobile
  • barbagallo mobile

La formula magica per avere più tempo ed energia: un’intervista a Michaela Gariboldi 

La formula magica per avere più tempo ed energia: un’intervista a Michaela Gariboldi Il tempo è relativo. So che sembra una frase fatta, ma non lo è. Il tempo varia a seconda di ciò che facciamo, a seconda di come stiamo e a seconda del nostro punto di vista. Quando sei allegra e svolgi un lavoro che ti piace e che ti dà soddisfazione, il tempo vola. Quando invece sai di dover fare qualcosa che non ti va, qualcosa di noioso o che va oltre la tua zona di comfort, il tempo sembra non passare più.
Segui Claudia Bosi
( 12 Followers )
X

Segui Claudia Bosi

E-mail :*

Il tempo è relativo. So che sembra una frase fatta, ma non lo è. Il tempo varia a seconda di ciò che facciamo, a seconda di come stiamo e a seconda del nostro punto di vista. Quando sei allegra e svolgi un lavoro che ti piace e che ti dà soddisfazione, il tempo vola. Quando invece sai di dover fare qualcosa che non ti va, qualcosa di noioso, o che va oltre la tua zona di comfort, il tempo sembra non passare più. 

Michaela Gariboldi è socia di Open Source Management, CEO di OSM Real Estate, una manager, una mamma e moglie, nonché autrice di diversi bestseller. Da anni opera nel settore della consulenza aiutando gli imprenditori a realizzare i propri sogni. Michaela sa bene quanto il tempo sia prezioso, soprattutto per le donne ambiziose come lei, quelle che non riescono a stare ferme, che avviano nuovi progetti ogni giorno e desiderano realizzare qualcosa di grande, senza dover per forza rinunciare a vivere una vita in famiglia e godere dell’amore di un partner e/o dei propri figli. 

Più energia ti senti addosso e più tempo hai a disposizione! 

  • Nel tuo libro, Donne & Carriera, racconti di una nota formula fisica per spiegare alle tue lettrici come si possa espandere, gestire e migliorare la qualità del proprio tempo. Di cosa si tratta? 

Un giorno, non so più nemmeno io il perché, mi sono ritrovata a riflettere sulla formula sviluppata da Einstein (E=MC2 ) per cui l’Energia (E) è uguale alla materia (M) moltiplicata per il quadrato della velocità (C2). Premetto che la mia personale rilettura della formula di Einstein non ha alcun valore dal punto di vista scientifico, e chiedo perdono in anticipo alle matematiche e alle fisiche che mi leggeranno se dovessero trovare questo mio ragionamento una blasfemia. Fatto sta che questa mia riflessione si è rivelata un principio molto funzionale!

Se dividiamo l’equazione per M, risulta che E/M (ossia l’energia divisa per la materia) è uguale a  C2 (il quadrato della velocità).

Ne consegue che hai più tempo e sei più veloce quando il tuo livello di Energia è più alto rispetto a quello della materia su cui sei concentrato. In altre parole, questo significa che se ti concentri soltanto sull’aspetto concreto e materiale delle cose (come il denaro che può derivare da un’operazione commerciale) e non su quello intangibile (il valore per la vita delle persone coinvolte che questa transazione può portare) finisci con il diminuire le tue stesse risorse di energia e, nel momento stesso in cui queste diminuiscono, si riduce il tuo tempo e quindi la velocità con cui puoi occuparti di un risultato.

Ovviamente, ripeto, questa è una mia interpretazione della formula, che non ha nessun tipo di validità né scientifica, né matematica, la trovo semplicemente funzionale e d’impatto per esprimere il concetto che voglio comunicarti: 

Se ti concentri solo sulle cose materiali, avrai meno energia e dunque sarai meno veloce e il tempo sembrerà non bastare!

Se ti concentri sul valore intangibile delle cose che fai, avrai molta più energia, quindi sarai magicamente anche più veloce e avrai anche molto più tempo!

Mettiamo di dover andare da un cliente che ci ha contattato perché è interessato a un nostro prodotto o servizio. Se durante la trattativa abbiamo la mente rivolta solo all’aspetto concreto/materiale/tangibile (la firma sul contratto, il denaro che frutterà questa vendita, ecc.) il nostro livello di energia sarà molto più basso di quello che potremmo avere se invece concentrassimo la nostra attenzione sull’aspetto intangibile della faccenda (quanto bene posso portare nella vita del mio cliente con il prodotto o servizio che gli sto proponendo? Quanto miglioreranno le sue giornate, la sua gestione del quotidiano?

E così via). Focalizzarsi su ciò che è immateriale, intangibile, “dimenticando” le conseguenze materiali della transazione, farà sì che la trattativa scorra così liscia che il cliente finirà col venire “trascinato” dal nostro stesso livello di energia. Il tempo scorrerà via veloce, e il cliente al 90% firmerà il contratto di acquisto molto più rapidamente di quanto avremmo potuto prevedere.

4 Consigli per aumentare la propria energia e dunque anche il proprio tempo 

  • Come possiamo “dimenticarci” degli aspetti materiali e concentrarci solo sul valore intangibile di ciò che facciamo? Quali sono i metodi che utilizzi tu? 

Per spostare l’attenzione dalle cose materiali a quelle immateriali hai bisogno di aumentare la qualità del tuo stato emotivo. Quando sei allegra ed entusiasta la tua mente fa progetti, sogni ad occhi aperti. Quando invece sei più demotivata, triste, turbata… a cosa presti attenzione? Alle bollette da pagare, ai tuoi figli che fanno i capricci, al tuo capo che non ti capisce, al cliente che non ti ha ancora pagato la fattura. Non è così? 

Quando siamo scarichi di energia e il nostro umore non è proprio al top, vediamo soltanto il bicchiere mezzo vuoto. Quando invece siamo serene, lucide e felici riusciamo ad aumentare esponenzialmente la nostra capacità di trovare soluzioni, di immaginare ciò che ancora non esiste, di viaggiare con la mente verso mondi inesplorati di possibilità e opportunità. Vediamo il bello, il bicchiere mezzo pieno.

Questi sono i punti che metto personalmente in campo per mantenere alto il mio umore, per tornare rapidamente up dopo un momento di down.

  1. Ritagliati sempre del tempo da poter dedicare allo STUDIO e alla FORMAZIONE: 

non pensare mai di essere a posto con quello che sai, che hai imparato in passato. Evolviti sempre come persona e come professionista, non restare ferma su ciò che sei o finirai con il rimanere indietro come essere umano e come manager/imprenditrice. 

Rimanere indietro significa rimanere a corto delle energie che ti servono per progredire. Per questo ti consiglio di non smettere mai di formarti e di studiare: il miglioramento continuo è ciò che fa di ogni essere umano il miglior essere umano possibile. Anche solo poter leggere che esistono metodi diversi di fare le cose rispetto a quelli che hai usato fino ad ora, scoprire che una cosa che ritenevi difficile invece può essere risolta facilmente, implementare le tue conoscenze e le tue capacità ti fa stare meglio, ti fa sentire più carica.

  1.  Comportati in modo etico, sii il più possibile una persona INTEGRA:

non accettare compromessi, sii sempre coerente con i tuoi ideali e i tuoi valori. Come abbiamo visto precedentemente, quando scendi a un compromesso e tradisci i tuoi principi, ti ritrovi a non stare bene con te stessa prima, e con le persone con cui ti rapporti poi. Sistemare le crisi che derivano da un comportamento non etico comporta un grande dispendio di energie. 

  1. Circondati di PERSONE POSITIVE ed ENTUSIASTE: 

l’energia positiva è qualcosa che “si attacca” proprio come un virus. Se sei circondata da persone sempre molto critiche, da persone che non fanno altro che lamentarsi dei propri guai e dei propri problemi, probabilmente la tua carica non sarà al top. Se invece passi molto tempo con persone propositive, ambiziose, piene di voglia di fare, che sorridono e che sanno prendere la vita anche con leggerezza (ma non con superficialità) sicuramente il tuo serbatoio di energia sarà pieno di benzina, pronta a metterti in moto ogni giorno. 

Devi scegliere con cura le persone con cui decidi di passare la maggioranza del tuo tempo, perché di brontoloni ne è pieno il mondo. Quindi, quando puoi scegliere, scegli di circondarti di persone orientate a costruire anziché distruggere. 

  1. GESTISCI VELOCEMENTE un problema: 

lasciare le questioni in sospeso produce un solo risultato: ti porta via più energia. Di fatto la tua mente potrebbe essere paragonata a una RAM (una scheda di memoria del computer): per quanto vasto sia il suo spazio, non è infinito, e le questioni in sospeso occupano un posto che potresti liberare per altre cose sicuramente più importanti.

L’esempio che, su questo punto, mi ha fatto capire l’importanza di gestire velocemente anche le cose che temevo di più, lo ha fatto Paulo Coelho, il grande scrittore brasiliano, che raccontò di come da ragazzino fosse sempre in ansia per la lezione di educazione fisica che spesso si svolgeva con un corso, diciamo così, di tuffi in un fiume. 

Lui non era molto bravo a nuotare e a tuffarsi, anzi l’acqua gli faceva paura, così si metteva sempre in fondo alla fila per posticipare il più possibile il suo turno e, inconsapevolmente, allungava la sua sofferenza. Fino a che un giorno decise che si voleva tuffare per primo per togliersi subito l’ansia di dosso e ritornare velocemente in uno stato di serenità.

Più rimandi e tendi a procrastinare il momento in cui affrontare una situazione problematica, più la tua energia scenderà. Se invece decidi di risolvere subito, di stare di fronte all’ostacolo e superarlo, ti sentirai subito potente ed entusiasta. 

Quando sei felice il tempo non ha limiti 

Quando sei felice riesci a pensare al bello di ciò che fai, al tuo vero valore, e agli straordinari effetti positivi che riesci a immettere nel mondo attraverso le tue azioni.

Solo quando il tuo morale è alto smetti di pensare ai problemi e alle cose materiali che ti ingabbiano e al tempo che non hai, e inizi a pensare a ciò che è intangibile: al vero valore che sei in grado di generare per te e per gli altri.

Ricorda: E=MC2! 

Lavora per aumentare la tua energia e vedrai che sarai molto più veloce e avrai un sacco di tempo in più a tua disposizione! 

Segui Claudia Bosi
( 12 Followers )
X

Segui Claudia Bosi

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • osmcoin promo mobile
  • polidori
  • guru mobile
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner medical mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • Valentini mobile
  • sogi
  • giro in mong mobile
  • sogi
  • barbagallo mobile
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • carlo partipilo
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
Avatar photo

Claudia Bosi

Editor e Ghost Writer per Engage Editore. Dopo anni di studi di Filosofia sono approdata nel mondo del lavoro e sono riuscita a fare di un dono la mia professione, grazie al contributo di persone illuminate capaci di vedere oltre un semplice curriculum. Io amo le storie delle persone, indago fra sogni ed esperienze vissute. Penso che la scrittura e la lettura siano armi potentissime che l'essere umano ha a disposizione. Le cose essenziali per crescere, comunicare, apprendere e ricordare. In quest'arte c'è la vita e il senso di ogni grande sviluppo e scoperta, è lo specchio dell'anima che riflette l'umanità tutta. Con le parole scritte si rivoluziona il mondo, ci si apre agli altri, si scopre qualcosa di sé, si lascia una traccia indelebile da qui all'eternità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Smetti di Pensare a Cosa Fanno i tuoi Collaboratori: inizia a pensare a chi SONO. Parola di Hr Manager!
Impresa e Donna

Smetti di Pensare a Cosa Fanno i tuoi Collaboratori: inizia a pensare a chi SONO. Parola di Hr Manager!

Una delle cose che mette al proprio posto il nostro Ego è l’attività di gestire e far crescere collaboratori sotto la nostra guida. Per riuscire in questo intento, infatti, bisogna essere pronti a dedicare una grande quantità di tempo, cure ed energie ad altre persone in modo totalmente disinteressato. Bisogna essere coscienti di star piantando dei semi in azienda, i cui frutti, probabilmente non riusciremo a vedere. Semi che però faranno la grande differenza nel futuro delle nostre organizzazioni. 

Coloro che pensano di far vincere le proprie persone mettendo avanti se stessi, puntando ad un immediato tornaconto, difficilmente ottengono risultati straordinari. Difficilmente riescono a godere di una vera e propria leadership tra i propri collaboratori. Questo perché l’autorevolezza è qualcosa che ti viene riconosciuta dal basso, non ha a che fare con il ruolo o la targhetta che si trova alla porta del tuo ufficio. E quando abbiamo la responsabilità di far vincere qualcuno, si sente, se in verità ciò che puntiamo a far crescere è il nostro potere o il nostro stipendio.

Continua a leggere
Noїr: uno store di abbigliamento simbolo di emancipazione 
Impresa e Donna

Noїr: uno store di abbigliamento simbolo di emancipazione 

In questa rubrica abbiamo già avuto modo di parlare di come i nostri abiti siano il simbolo della nostra identità e del nostro benessere. Di come essi non siano semplicemente un modo frivolo di vestire i nostri corpi e di mostrarci al mondo.

Lo dice anche la stessa etimologia della parola “abito”. Dal latino habitus questo termine è profondamente connesso alle nostre abitudini e alla nostra disposizione d’animo, ossia il nostro carattere.

“Abito” quindi è una parola che ha che fare con i nostri comportamenti, le nostre inclinazioni e personalità. Ben più di un outfit da acquistare per un’occasione particolare, ben più di una serie di indumenti da impilare nel nostro armadio.

L’abito nel suo significato più profondo si intreccia dunque con l’etica, con la ricerca costante della propria felicità e della propria realizzazione. Non è un caso che quando ci sentiamo perfettamente allineate con i nostri valori attraverso i nostri comportamenti ci sentiamo “a casa”, abitiamo il nostro vero io.

Tutto questo lo ha colto molto bene Arianna Rubin, la nostra intervistata di oggi. Una ragazza di quasi trent’anni, un’imprenditrice e un’influencer, che da tempo lavora duramente non solo per realizzare il suo sogno, ma per far sì che ogni donna possa realizzare il suo.

Continua a leggere
Fare l’imprenditrice: un modo per conquistare e donare libertà
Impresa e Donna

Fare l’imprenditrice: un modo per conquistare e donare libertà 

“Mia madre ha sempre fatto l’insegnante, lavorare con i bambini era la sua più grande vocazione. Per lei la scuola non era un lavoro, era uno stile di vita, un modo di vivere. 

Sono cresciuta vedendo brillare i suoi occhi mentre lottava per realizzare il suo sogno e non le sarò mai abbastanza grata per avermi trasmesso tutto il suo amore e la sua resilienza nei confronti del bene più prezioso che esiste nella nostra società: i bambini. 

Nel ‘94 mia sorella Federica era in arrivo, la sua vitalità e la sua voglia di scoprire il mondo si sarebbero presto aggiunte alla mia e a quella di mio fratello. Fu proprio quell’anno che mia madre fondò la ZEROSEI, una scuola per l’infanzia dedicata ai bambini dai tre ai sei anni.

Non ho mai avuto dubbi rispetto al fatto che un giorno avrei portato avanti il progetto di mia madre, prendendo le redini della scuola, assicurandomi che continuasse a crescere ed espandersi.

Mai, però, avrei pensato di doverlo fare all’improvviso, nel giro di pochi mesi, in un rapido aggravarsi della sua malattia. Fu un periodo davvero duro. Vivevo momenti di sconforto, rabbia e tristezza che però sapevo di non poter mostrare fino in fondo. 

Avevo delle responsabilità, avevo delle decisioni importanti da prendere senza alcun lusso di poter temporeggiare. Molte persone pensavano che non ce l’avrei fatta, che “sostituire” mia madre era impossibile, che avrei chiuso nel giro di poco. Ebbene eccomi qua…”

Continua a leggere