• valentini desktop
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • desktop barbagallo
  • barbagallo mobile
  • polidori
  • osmcoin promo
  • BANNER-osmcoin.png
  • guru jobs
  • carlo partipilo
  • medical
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • giro in mongolfiera desktop
  • BANNER-virtual-coac.png
  • bella vita cinzia
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • BANNER-mastermind.png
  • guru mobile
  • sogi
  • carlo partipilo
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner medical mobile
  • polidori
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • giro in mong mobile
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • Valentini mobile
  • barbagallo mobile
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • sogi

Investire nei titoli di stato italiani

Segui Alessandro Moschetti
( 0 Followers )
X

Segui Alessandro Moschetti

E-mail :*

Intervista all’esperto Alessandro Moschetti

I titoli di stato sono titoli emessi periodicamente dall’ente statale preposto agli affari economici per conto dello Stato con lo scopo di finanziare il proprio debito pubblico.

Gli interessi posso essere pagati direttamente alla scadenza oppure mediante il pagamento di cedole (fisse o variabili) durante l’intera vita del titolo. Alla scadenza de titolo, lo Stato rimborsa il capitale iniziale.

I titoli di stato sono uno strumento molto diffuso tra i risparmiatori per la loro caratteristica di avere una scadenza e un rendimento stabilito all’emissione. Per tanti anni, sono stati il principale investimento dei risparmiatori italiani (i cosiddetti Bot people).

Generalmente è un investimento adatto ai risparmiatori che non vogliono assumersi un rischio elevato e vogliono ottenere una rendita passiva certa.

I titoli di Stato servono agli stati per raccogliere denaro per finanziare le proprie esigenze di indebitamento, soddisfare il fabbisogno del Paese e far fronte alle attività istituzionali.

In questo articolo, Alessandro ci spiegherà come funzionano i titoli di stato e come generare entrate passive con essi.

Perché hai investito in quel prodotto/investimento? Cosa ti ha attratto?

Ho sempre investito nei titoli di stato italiani una percentuale del portafoglio tra il 10 e il 30% del totale dei miei investimenti perché, nonostante il debito pubblico dell’Italia e di quasi tutti i paesi occidentali sia molto elevato, gli stati hanno sempre onorato i pagamenti.

Tra gli altri vantaggi dei titoli di stato, inoltre, c’è anche la possibilità di acquistarne in valute diverse dall’euro come per esempio i titoli di stato americani che si acquistano in dollari.

Purtroppo c’è da dire che nella storia si sono verificati anche casi in cui i risparmiatori hanno subito perdite, come con i titoli di stato di paesi emergenti come l’Argentina. Quindi, per questo, prima di intraprendere un investimento in titoli di stato, è necessario affidarsi ad un buon consulente finanziario, che in base alle tue esigenze, ti aiuterà a scegliere la tipologia più adatta al profilo di rischio prescelto e al tempo che si intende vincolare il denaro. Tutto ciò, in piena consapevolezza del fatto che, in caso di vendita anticipata prima della scadenza, si potrebbe incorrere anche a perdite, in alcuni casi anche elevate.

Un aspetto molto interessante dei titoli di stato è la tassazione sui rendimenti, che è pari al 12,5% invece del 26% che si paga su tutte le altre tipologie di investimento. Oltre a questo, un’altra cosa vantaggiosa è il fatto che i titoli di stato sono strumenti che in caso di morte dell’investitore sono esenti da imposta di successione.

Che risultato hai ottenuto?

I risultati che ho sono stati soddisfacenti e in genere il rendimento è stato sufficiente a coprire il tasso di inflazione.

I rendimenti nel tempo possono variare proprio in funzione al tasso di inflazione e ai tassi applicati dalle banche centrali.

Nell’ultimo decennio, i titoli di stato hanno offerto spesso rendimenti molto contenuti proprio perché il tasso di inflazione e i tassi di interesse sono stati molto bassi.

Oggi valuto questi strumenti come interessanti perché nell’ultimo anno il tasso di inflazione è cresciuto molto così come i tassi di interessi.

Attualmente, sui titoli di stato italiani si può ottenere un tasso che varia dal 3 al 4,50 % a seconda delle scadenze, tassi più bassi per le scadenze brevi e tassi più elevati per le scadenze lunghe.

Le condizioni di mercato permettono di utilizzare i titoli di stato anche per dare un rendimento alla liquidità con scadenze molto brevi.

Come si fa a farlo?

Si può investire in titoli di stato rivolgendosi a qualsiasi banca e si possono comprare sia titoli di nuova emissione che titoli già emessi quotati sul mercato.

Generalmente sui titoli in emissione non si paga nessuna commissione, mentre sui titoli già emessi si paga alla banca una commissione che varia da istituto a istituto.

Io personalmente ho sempre acquistato titoli di stato tramite la piattaforma di banca Fineco che offre condizioni molto vantaggiose.

Che cosa non si dovrebbe fare?

Quando si investe in titoli di stato bisogna fare molta attenzione alle scadenze, quelle lunghe offrono tassi più vantaggiosi ma allo stesso tempo, durante la vita del titolo, si possono avere delle oscillazioni di prezzo più elevate.

Di conseguenza quando si sceglie un titolo di stato bisogna valutare attentamente l’orizzonte temporale di investimento, per avere rischi bassi occorre investire in scadenze corte, massimo due o tre anni.

Ci sono altri consigli per il lettore?

Il consiglio che mi sento di dare è quello di comprare titoli di stato quando i tassi ufficiali della banche centrali sono alti come nel momento attuale perché in quel caso la probabilità di perdere si riduce molto anche in caso di vendita prima della scadenza.

Ai tassi attuali sono molto interessanti i titoli di stato italiani decennali che offrono rendimenti pari al 4,5% circa netto.

Una parte dei risparmi si può investire anche in titoli di stato americani a breve termine, la mia scadenza preferita è a due anni.

Per concludere. tieni a mente la scadenza per valutare tempestivamente l’eventuale reinvestimento. Per questo puoi consultare il calendario del risparmiatore presente sul sito del MEF-Dipartimento del Tesoro. Può anche essere opportuno consultare la quotazione del tuo titolo sui giornali o su Internet (es. sito del MOT) per valutare eventuali ipotesi di vendita prima della scadenza.

Se vuoi approfondire e conoscere quali sono i titoli di Stato italiani leggi questo articolo su Altroconsumo.it

Disclaimer
Quanto scritto in questo articolo rappresenta unicamente la condivisione delle azioni personali del sottoscritto e non dovrebbe mai essere interpretato come un consiglio di investimento ma come una semplice attività informativa. Ogni individuo dovrebbe fare la sua ricerca prima di decidere se e in cosa investire.

Alessandro Moschetti
Visita il mio profilo Linkedin

Ti è piaciuto questo argomento? Sei curioso di scoprire come avere entrate passive con altri strumenti finanziari dello Stato? Allora leggi anche Costruire entrate passive con le obbligazioni di Paolo Ruggeri.

a cura di Aline Improta

Segui Alessandro Moschetti
( 0 Followers )
X

Segui Alessandro Moschetti

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • barbagallo mobile
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • sogi
  • guru mobile
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • Valentini mobile
  • giro in mong mobile
  • banner medical mobile
  • polidori
  • sogi
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • carlo partipilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ETF
Investimenti

Come valutare un ETF – Con Felipe Orrego

Gli Exchange-Traded Fund (ETF) offrono agli imprenditori un’opportunità unica per diversificare il loro portafoglio in modo interessante. Ne parlo con Felipe Orrego.

Continua a leggere
Investimenti

GLI ERRORI PIU’ COMUNI DEGLI INVESTITORI ALL’INIZIO

Segui Alberto Lazzaro ( 1 Followers ) X Segui Alberto Lazzaro E-mail :* Segui Alberto Lazzaro Smetti di seguire Alberto Lazzaro Entrare nel mondo degli investimenti può sembrare come avventurarsi in una foresta inesplorata. Si cammina su un sentiero sconosciuto, dove ogni passo può creare dubbi e incertezze. E non importa se stai mettendo piede […]

Continua a leggere
Barbagallo TFR
Investimenti

Cosa fare con il TFR dei propri collaboratori

Scopri come fare del TFR un’opportunità di crescita sia per la tua azienda che per i tuoi collaboratori. Ne parlo con Gianluca Barbagallo.

Continua a leggere