• desktop barbagallo
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • valentini desktop
  • polidori
  • BANNER-mastermind.png
  • bella vita cinzia
  • osmcoin promo
  • guru jobs
  • medical
  • BANNER-virtual-coac.png
  • barbagallo mobile
  • carlo partipilo
  • BANNER-osmcoin.png
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • giro in mongolfiera desktop
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • barbagallo mobile
  • sogi
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • osmcoin promo mobile
  • carlo partipilo
  • polidori
  • banner medical mobile
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • giro in mong mobile
  • Valentini mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • sogi
  • guru mobile

Gli opposti si attraggono, ma chi si somiglia si piglia: come scoprire se hai accanto la socia giusta! 

Gli opposti si attraggono, ma chi si somiglia si piglia: come scoprire se hai accanto la socia giusta!
Segui Claudia Bosi
( 12 Followers )
X

Segui Claudia Bosi

E-mail :*

La fisica sembrerebbe dare ragione all’ormai popolare detto “gli opposti si attraggono”. Infatti, se avviciniamo fra loro due cariche positive e/o due cariche negative, esse tenderanno a respingersi, mentre quando avviciniamo una carica positiva ad una negativa, le due tenderanno appunto ad “attrarsi”. Per alcuni funziona così, nella vita di coppia (a casa) e sul posto di lavoro, ma è sempre così che stanno le cose? Ovviamente no. 

Del resto, quando stiamo molto tempo con una persona molto simile a noi certe cose sono più facili e vanno avanti un po’ più lisce. Avere una visione comune è infatti uno dei requisiti necessari per avviare una società o una collaborazione con qualcuno, così come lo è quando scegliamo il nostro partner nella vita. 

Che futuro potrebbe avere un’azienda al cui vertice ci sono due persone che la vedono in modo diametralmente opposto? Che futuro potrebbe avere una famiglia se nella coppia non vi è assonanza di valori e progetti? 

Una scelta tra l’inesorabile noia e gli inevitabili litigi? 

“Essere simili”, di solito, è una condizione che velocizza molti processi di comprensione, feeling ed empatia. Chi è come te ti capisce al volo, non ti impone troppi sforzi di interpretazione per decifrare il suo comportamento, le sue reazioni emotive e i suoi principali intenti. Qualcuno però potrebbe dire che troppa similitudine tra le parti potrebbe portare alla stasi. Se la vediamo sempre allo stesso modo, potremmo incombere nella noia e/o diventare particolarmente resistenti al cambiamento, nonché “intolleranti” verso tutto ciò che pare diverso da noi. 

Ma, allora, quale dei due detti è vero fino in fondo? 

Da buona “allieva” di Aristotele non posso che essere dell’idea che la verità sta nel mezzo, poiché è nel giusto mezzo che sta la virtù. E per dimostrartelo, in questo articolo ho deciso di parlarti di me e della mia socia, collega e amica Marta Taulotto, con la quale da quasi tre anni ho avviato una vera e propria business unit all’interno di Engage Editore: il progetto Book Authority.  

Il potere dei libri 

Si tratta di un percorso personalizzato dedicato a imprenditrici e imprenditori di successo che hanno deciso di lasciare un segno, una traccia, e di posizionarsi nel loro mercato di riferimento in modo unico. Attraverso la scrittura di uno o più libri, aiutiamo gli imprenditori a differenziarsi, divulgando la loro storia e i metodi che li hanno portati al successo, al fine di aumentare la potenza del loro brand, il loro numero di clienti attivi, le loro opportunità di guadagno e il loro magnetismo verso nuovi e tanti possibili collaboratori futuri.  

A me e a Marta basta guardarci un istante, parlarci per una manciata di minuti per suscitarti il dubbio: “ma che cos’avranno da condividere queste due?”. Ma solo se ti fermi a guardare in superficie. In fondo anche io e lei ce lo siamo domandate spesso all’inizio della nostra conoscenza, etichettandoci vicendevolmente come “quella delle emozioni” (io) e “quella della monetizzazione” (lei). 

Entrambe avevamo collezionato esperienze di collaborazione e di amicizia con persone diametralmente opposte a noi e non erano finite alla grande, anzi. Eppure qualcosa ci diceva che fra noi c’era qualcosa di affine, comune, qualcosa che avrebbe fatto sì che la nostra partnership ci avrebbe fatto vincere. La nostra pancia non si sbagliava. Anche se ancora non lo sapevamo, i libri erano sempre stati il filo rosso della nostra vita

Le coincidenze non esistono! Gli incontri che ti cambiano la vita… 

Quando l’ho conosciuta, Marta veniva dal mondo del Self Publishing, aveva dedicato anni di studio in questo settore diventando fenomenale ad analizzare i trend del mercato della più grande libreria del mondo: Amazon. Questo l’aveva portata nel tempo a strutturare totalmente da sola un sistema per lanciare libri, ricavandone un’entrata passiva ogni mese. 

Io venivo dal mondo delle Risorse Umane, un settore a cui sarò sempre grata, poiché ha implementato alcune delle mie inclinazioni naturali: studiare e interpretare il comportamento umano, l’ascolto e la capacità di comprendere rapidamente necessità e bisogni inespressi delle persone. Avevo appena cambiato reparto aziendale per dar sfogo a una parte di me che cercava spazio: la creatività, ma soprattutto la scrittura

Ed è così che una scrittrice e un’esperta del mercato editoriale online si sono incontrate. “Tu scrivi e io lancio” – mi disse Marta: “è perfetto. Potremmo dar vita a un business interno all’azienda senza precedenti”. Per me quelle parole furono ossigeno, non desideravo altro che vivere una vita in cui la mia passione e il mio lavoro diventassero una cosa sola e con Marta accanto tutto questo in un attimo mi sembrò realizzabile, possibile. 

Soldi o sentimenti? 

C’era però qualcosa che mi intimoriva: “… se Marta avesse prestato attenzione solo al lato economico della faccenda, la mia forte passione per la scrittura sarebbe andata a farsi benedire una volta e per sempre? Mi sarei ritrovata a fare un lavoro nessuna estetica né poesia?”. Al contempo anche Marta aveva le sue perplessità, più volte mi ha guardato attonita sgranando quei suoi grandi occhi azzurri per capire che tipo di viaggi mentali mi stessi facendo: “e se Claudia pensasse soltanto ai contenuti, diventando una perfezionista del sentimento, perdendo tempo e fatturato? Che fine avrebbe fatto il progetto??”. 

Poi però tra dubbi e domande siamo partite. Ci siamo guardate e ci siamo dette “o la va o la spacca”, non avevamo nulla da perdere, anzi, eravamo entrambe di fronte all’opportunità della nostra vita, tanto valeva provare! Fu così che nel giro di una settimana vendemmo all’incirca 30mila euro di contratti e ci ritrovammo con un sacco di lavoro da fare. La filosofia del  “pronti, fuoco, mira” l’avevamo presa alla lettera. Non era più tempo di scherzare, né di farsi prendere dai dubbi, avevamo premuto START e ora dovevamo galoppare. 

Ogni ostacolo che incontri è di fronte a te per un motivo 

Ma finché tutto va per il verso giusto, i dubbi svaniscono da soli… lo stesso non accade quando arrivano le difficoltà e i problemi. Ai primi importanti scogli che ci siamo ritrovate davanti non sapevamo come reagire, l’una tirava da un lato, l’altra tirava dall’altro. Fu in quel momento che però compresi molto bene che non eravamo così “opposte” come sembrava, non eravamo così “opposte” come ci eravamo raccontate ed etichettate fino a quel momento. 

Giù le maschere. Parlandoci a cuore aperto venne fuori una Marta molto mistica e spirituale e una Claudia fortemente pragmatica e razionale. Si stavano invertendo i ruoli? Che cosa stava succedendo? Ci ragionammo su un bel po’, poi tutto fu molto chiaro. Non eravamo né uguali né opposte, eravamo entrambe le cose. 

Lo yin e lo yang, il bianco e il nero, il maschile e il femminile, il sole e la luna che condividevano un pizzico e dell’una nell’altra, sempre. Non c’è infatti alcun dualismo permanente in natura che possa chiamarsi “vita” senza comprendere dentro di sé una parte del tutto, una parte dell’altro. Come parti dell’Universo in divenire siamo in un equilibrio instabile di luci e di ombre e proprio quando accetti di aver un pizzico dell’opposto di te nel tuo cuore che tutto si avvia, che tutto procede, cresce, si evolve. 

Lo yin e lo yang della cultura imprenditoriale 

Ed è così che ho capito che io e Marta non potevamo non essere simili, ma non potevamo nemmeno non essere opposte. La nostra consapevolezza e la nostra voglia di realizzare qualcosa di grande ci ha consentito di vedere quanto a volte le nostre prime percezioni siano fallaci. E quanto spesso queste ci inducono ad abbandonare persone e progetti “giusti” troppo rapidamente. 

Non a caso abbiamo avviato un podcast su Spotify, Imprenditori in Onda, in cui intervistiamo settimanalmente i nostri autori, per far conoscere e divulgare il più possibile le loro esperienze. In quel podcast io e Marta ci presentiamo come lo yin e lo yang della cultura imprenditoriale. Marta con le sue statistiche alla mano ed io con le mie parole affilate, siamo una squadra che non cambierei per niente al mondo. 

Sono passati un bel po’ di mesi da quei 30mila euro di contratti, oggi gareggiamo per i 100. 

1+1 fa molto più di 2!

Una persona diversa da te è in grado di creare la magia del disaccordo costruttivo, in cui le opinioni in contrasto creano qualcosa di nuovo. Una persona simile a te invece ti permette di vibrare alla tua frequenza mentre ti connetti al mondo delle intuizioni, mentre vai alla ricerca della tua meta “più grande”. Una persona diversa E simile a te, risuona nel mondo interiore e fa esplodere i frutti nel mondo materiale. Ti consente di trovare la via per la prosperità nel suo senso più ampio. 

Non fermarti ai pregiudizi, alle etichette o alle frasi fatte. Osserva ciò che non vedi e sogna più in grande di ciò che riesci a immaginare. “Gli opposti si attraggono” e “chi si somiglia si piglia” sono due frasi vere e false allo stesso tempo e allo stesso modo. Scegli di andare oltre, l’aut aut esiste solo nella tua mente! 

Segui Claudia Bosi
( 12 Followers )
X

Segui Claudia Bosi

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • guru mobile
  • osmcoin promo mobile
  • Valentini mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • carlo partipilo
  • sogi
  • giro in mong mobile
  • banner medical mobile
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • barbagallo mobile
  • sogi
  • polidori
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
Avatar photo

Claudia Bosi

Editor e Ghost Writer per Engage Editore. Dopo anni di studi di Filosofia sono approdata nel mondo del lavoro e sono riuscita a fare di un dono la mia professione, grazie al contributo di persone illuminate capaci di vedere oltre un semplice curriculum. Io amo le storie delle persone, indago fra sogni ed esperienze vissute. Penso che la scrittura e la lettura siano armi potentissime che l'essere umano ha a disposizione. Le cose essenziali per crescere, comunicare, apprendere e ricordare. In quest'arte c'è la vita e il senso di ogni grande sviluppo e scoperta, è lo specchio dell'anima che riflette l'umanità tutta. Con le parole scritte si rivoluziona il mondo, ci si apre agli altri, si scopre qualcosa di sé, si lascia una traccia indelebile da qui all'eternità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

legale
Storie di Imprenditori

Attività legale gestita come un’impresa – Con Manuel Verde

Come si fa a trasformare il proprio studio legale in un’attività d’impresa di successo? 

Questa è la domanda che molti professionisti del settore si pongono mentre cercano di far crescere il proprio business.

Continua a leggere
Smetti di Pensare a Cosa Fanno i tuoi Collaboratori: inizia a pensare a chi SONO. Parola di Hr Manager!
Impresa e Donna

Smetti di Pensare a Cosa Fanno i tuoi Collaboratori: inizia a pensare a chi SONO. Parola di Hr Manager!

Una delle cose che mette al proprio posto il nostro Ego è l’attività di gestire e far crescere collaboratori sotto la nostra guida. Per riuscire in questo intento, infatti, bisogna essere pronti a dedicare una grande quantità di tempo, cure ed energie ad altre persone in modo totalmente disinteressato. Bisogna essere coscienti di star piantando dei semi in azienda, i cui frutti, probabilmente non riusciremo a vedere. Semi che però faranno la grande differenza nel futuro delle nostre organizzazioni. 

Coloro che pensano di far vincere le proprie persone mettendo avanti se stessi, puntando ad un immediato tornaconto, difficilmente ottengono risultati straordinari. Difficilmente riescono a godere di una vera e propria leadership tra i propri collaboratori. Questo perché l’autorevolezza è qualcosa che ti viene riconosciuta dal basso, non ha a che fare con il ruolo o la targhetta che si trova alla porta del tuo ufficio. E quando abbiamo la responsabilità di far vincere qualcuno, si sente, se in verità ciò che puntiamo a far crescere è il nostro potere o il nostro stipendio.

Continua a leggere
Mazzotta - sanitario
Storie di Imprenditori

La Dottoressa Laura Mazzotta: Da chirurgo a imprenditrice, una storia di crescita aziendale nel Settore Sanitario

Ti sei mai chiesto cosa spinge un medico a diventare imprenditore nel campo sanitario?

Ne parlo con la Dottoressa Laura Mazzotta, Direttore Sanitario del Poliambulatorio AEsthe Medica, che ha vissuto questa trasformazione in prima persona.

Continua a leggere