• bella vita cinzia
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • BANNER-mastermind.png
  • osm artigiani piu utili
  • guru jobs
  • medical
  • BANNER-virtual-coac.png
  • osmcoin promo
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • BANNER-osmcoin.png
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner medical mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • guru mobile
  • osmartigiani piu utili mobile

Espandi la tua azienda in tutta Italia con il franchising

Enrico Tosco
Segui Aline Improta
( 7 Followers )
X

Segui Aline Improta

E-mail :*

Intervista a Enrico Tosco, CEO e Founder di Reting

Il modello franchising è un ambito interessante per gli imprenditori che vogliono investire in una nuova attività, ma senza partire “da zero”. Grazie al franchising, infatti, è possibile espandere la tua azienda e aprire centinaia di punti vendita in Italia, ma anche all’estero, coinvolgendo imprenditori locali che desiderano creare un business solido avvalendosi di un modello organizzativo già collaudato e controllare il più possibile il rischio d’impresa.

1. Come funziona il franchising?

Il franchising è un contratto di collaborazione per la distribuzione di beni o servizi stipulato tra un imprenditore affiliante (franchisor) titolare del marchio, e uno (o più) soggetti affiliati (franchisee) che acquista la licenza per utilizzarlo, secondo le regole aziendali stabilite dal primo. Franchisor e franchisee sono indipendenti l’uno dall’altro, sia economicamente che giuridicamente.

2. In che modo si sta muovendo la strategia del Franchising come modello di sviluppo aziendale?

Il Franchising è un modello di sviluppo aziendale destinato a crescere, da gennaio a fine marzo del 2023 abbiamo gestito 812 trattative commerciali di potenziali imprenditori intenzionati ad aprire un brand in franchising, di cui:

– il 11% sono disoccupati;
– il 46% sono dei dipendenti che desiderano lasciare il lavoro per mettersi in proprio;
– il 18% sono imprenditori;
– il 21% sono liberi professionisti;
– il 2% sono imprenditori, franchisee di altri brand;
– il 2% sono investitori puri di capitale.

Di questi numeri, abbiamo analizzato anche la disponibilità economica di liquidità personale: il 73% degli interessati ha un budget che va da 0 a 20.000€, il 17% da 20 a 50.000€, il 7% da 50 a 100.000€ e il 3% oltre 100.000€.

Questi numeri ci permettono di comprendere il trend: sempre più persone vogliono diventare imprenditori.

Con questi dati è facile individuare in che modo strutturare la propria proposta in franchising e capire molto velocemente se quanto si pensa di proporre va incontro ai desideri del mercato oppure no.

3. Qual è il tipo di supporto che offre Reting nei piani di espansione dell’azienda?

Reting affianca l’imprenditore a costruire un vero e proprio reparto franchising della sua azienda e trova i potenziali affiliati che possano alimentarlo.

Il nostro focus è sulle reti in start up, per quali costruiamo un vero e proprio reparto interno franchising, ovvero formiamo una o più risorse aziendali nell’essere autonome nell’attirare candidature, contrattualizzare le aperture e gestire il franchisee.

Tutto parte da una “analisi di vendibilità” ovvero, uno studio personalizzato del format nelle sue principali caratteristiche in ottica franchising (posizionamento, investimento e replicabilità) al fine di creare un prospetto chiaro della sua proposta e di quante aperture, realisticamente, si potrà realizzare nei prossimi tre anni.
Fatta questa analisi, parte la creazione del reparto franchising con il servizio Franchising Selling Sistem che permette all’azienda di costruire i contratti, i manuali operativi e tutto il sistema di vendita per essere pronta ad entrare con successo nel mondo del franchising.

Con tutti i materiali pronti il passaggio finale è accompagnare l’azienda a presentarsi ai potenziali franchisee che, attirati dalle campagne pubblicitarie, verranno a trovarla al fine di contrattualizzare le nuove aperture.

Espandi la tua azienda con il franchinsing

4. Quali sono le operazioni passo passo che fa Reting?

In concreto dopo aver capito se e come il brand può proporsi sul mercato del franchising, Reting costruisce insieme al cliente tutti gli strumenti necessari per sviluppare il business.

Insieme all’imprenditore individuiamo e formiamo un responsabile (che può essere inizialmente anche l’imprenditore stesso) e successivamente, troviamo i potenziali affiliati aiutando l’head company (la casa madre) a contrattualizzarli.

Per fare ciò, è necessario che in azienda ci sia una buona organizzazione, delle procedure efficaci e che siano stati già attuati processi di delega e controllo.

Una volta liberate le risorse di tempo ed energia, fatti quei passaggi burocratici essenziali che richiedono qualche mese (il business plan, il contratto e una raccolta di tutti i mansionari in un manuale operativo) il focus sarà nel trovare (con delle campagne pubblicitarie ad hoc) i contatti dei potenziali franchisee e firmare i primi accordi.

Nei primi progetti idi apertura c’è il passaggio più importante: l’implementazione della formazione e l’affiancamento inziale per portare al successo i franchisee.

Ogni mese poi, è fondamentale analizzare i piani finanziari e settimanalmente le principali statistiche operativi dei punti per portarli al successo.

5. Qual è la formula commerciale consolidata e più diffusa?

La formula franchising più diffusa è quella del lancio da zero, ovvero quella tipologia di proposte che permette ad una persona senza skill specifiche di entrare in un mercato altrimenti per lei inaccessibile.

In generale è premiante per la case madri avere delle fee d’ingresso molto contenute oltre ad avere accordi con consulenti per l’accesso al credito (sia agevolato che bancario) per i propri franchisee così da rendere possibile un’apertura con anche capitali molto contenuti (10.000/20.000€).

Per quanto concerne le Royalties, il mercato recepisce molto bene una quota variabile, ma l’azione veramente vincente è quella di poter assorbile il corso di canoni d’assistenza all’interno di forniture di semilavorati o servizi utili al franchisee.

6. Brand di clienti sviluppati, da dove sono partiti e qual è stata la crescita che hanno avuto? In quanto tempo?

Come ho anticipato prima, la maggior parte dei nostri brand clienti sono tutti delle start up, salvo rari casi.

Ad esempio, nell’ultimo anno, abbiamo sottoscritto diversi accordi per l’apertura di sei punti vendita Skassapanza un brand di hamburger molto affermato su Torino con quattro punti vendita che oggi sta sbarcando sia in Lombardia a Como, che a Roma con un progetto per cinque aperture.

Un altro caso di successo è Tigella’s che da due punti vendita su Milano, negli ultimi sei mesi, è passato a quattro con un’apertura nella stessa città e una a Torino.

Poi ci sono brand molto noti, come ad esempio Machete, un concept di barberia che ha all’attivo ventidue punti vendita (di cui due all’estero) e che all’inizio dell’anno ha programmato altre due aperture su Genova e Bari.
Dopo l’apertura di Bari, il progetto si svilupperà in tutta la Puglia nei prossimi anni con almeno altre tre aperture.

Tra le big companies, posso citare il gruppo Carrefour, che si è affiancato a noi per una consulenza sul marketing e sul sistema di vendita per il suo sviluppo franchising in Italia.

7. Quali sono le peculiarità e i vantaggi del franchising?

Il franchising, nella sua essenza, è la condivisione di un modello di successo. Se ben applicato permette concretamente di creare una rete di persone di grande valore che collaborano tra di loro per costruire un futuro insieme sotto uno stesso brand.

Inoltre, il franchising, permette di ottenere obiettivi che da soli si potrebbero realizzare solo con la fantasia o un enorme fondo d’investimento alle spalle. Se aprire 60/100 punti vendita del tuo locale da solo può sembrare un’utopia, con in franchising è possibile.

Questo enorme vantaggio, però, richiede un costo in termini di impegno ed energie forse superiore ad uno sviluppo di diretto: l’unico modo per costruire una rete solida è realizzare una vera e propria Business School interna all’azienda che diventi una fucina dove formare con costanza e grande dedizione i franchisee.

8. Cosa deve fare un imprenditore che è interessato ad espandere la propria rete e il proprio business attraverso il franchising?

La cosa più importante da cui partire è individuare una persona, di grande spessore professionale, che possa dedicare tempo ed energia a questo progetto, inizialmente part-time per poi essere, dopo le prime quattro/cinque aperture, full time.

Generalmente il mio consiglio è che sia l’inventore stesso del brand a dedicarsi, almeno in una fase iniziale, al progetto. È come creare una vera e propria azienda che, come start up, richiede un titolare disposto a mettere tutte le sue energie.

Se questo appare impossibile vuol dire che c’è ancora molto da lavorare in azienda per avviare i processi di delega e controllo con lo staff, oppure mancano ancora le marginalità che permettono di fare questo salto nell’espansione. Quindi, è molto importante passare per un primo periodo di pre-lancio in cui si lavora su questi due punti.

9. Cosa invece non dovrebbe fare?

Ho visto fallire molte reti in franchising, alcune anche molto note. Gli errori fatti sono tanti, ma i due più grandi da cui dover assolutamente scappare sono:

1 – Vedere il franchisee come un cliente e non come un socio.
Se il franchisee viene trattato solo come un cliente a cui vendere con un canale preferenziale i propri prodotti o servizi, nel giro di qualche anno la rete chiuderà. Il franchisee è un tuo SOCIO, una persona per la quale devi dare tutto te stesso per farlo vincere a qualsiasi costo, perché una sua sconfitta è una tua sconfitta, una sua vittoria è una tua vittoria.

2 – Vendere le affiliazioni senza che l’attività sia solida e delegabile.
Se quando tu non sei in azienda il fatturato va sotto, se tutto dipende da te e appena ti stacchi qualche giorno i collaboratori non sanno come fare oppure se, banalmente, lavori da solo e fai tutto tutto, non sei ancora pronto per il franchising. C’è tanto da lavorare prima in azienda.

(I primi passi per creare la tua rete in franchising – Guida pratica per trasformare la tua attività in un franchising di successo senza aver paura di fallire. Enirco Tosco, Engage Editore).

10. Quali sono le tipologie di imprese che potrebbero trarre i maggiori vantaggi dal franchising ?

Le imprese che possono avere dal franchising dei vantaggi davvero eclatanti sono tutte quelle che possono beneficiare delle economie di scala e della centralizzazione di servizi o prodotti.

Ad esempio nel food, centralizzando la produzione di semilavorati si può creare un vantaggio sostanziale in termini di risorse umane, metrature e costi di aperture.

Un altro settore che può avere vantaggi dal mondo del franchising sono tutti quei servizi che necessitano di una forte componente territoriale, che richiedono ad esempio di andare fisicamente dal cliente o poterlo incontrare con frequenza (consulenza aziendale, edilizia, assistenza per anziani, manutenzioni, ecc…)

Vuoi scoprire se è possibile modellare la tua attività e sviluppare un franchising?

Compila il nostro questionario accedendo a questo link!

Enrico Tosco
Linkedin
Pagina Fb Reting
Sito web Reting

Vuoi leggere un’altra testimonianza di espansione e di successo di un’azienda che si è sviluppata in tutta Italia grazie al franchising?
Leggi l’articolo di Paolo Ruggeri “Costruire una rete franchising di successo”

a cura di Aline Improta

Segui Aline Improta
( 7 Followers )
X

Segui Aline Improta

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner medical mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • guru mobile
  • osmartigiani piu utili mobile
Avatar photo

Aline Improta

La scrittura è fin da piccola il mio grande amore. Giornalista pubblicista dal 2010, negli ultimi dieci anni, ho riversato la mia passione in un altro settore: il marketing. Dopo anni a scrivere per le aziende, ritorno all'anima che c'è dietro ognuna di loro: gli imprenditori e tutte le persone che vivono in quell'ecosistema. Vi starete chiedendo come... Sono Editor e Ghostwriter per Engage Editore. la prima casa editrice italiana che pubblica libri dedicati agli imprenditori scritti da imprenditori. Amo le persone e credo che in ognuna di esse ci sia una luce da tirare fuori e una bellissima storia da raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Azioni Vincenti nella Gestione di Impresa Storie di Imprenditori di Successo

La responsabilità sociale delle imprese nella lotta alla fuga dei talenti dall’Italia: la campagna di rientro in Patria dell’azienda campana PLC-City

Parlando di mete che fanno la differenza per le aziende, per il futuro e per il nostro Paese, non possiamo non parlare dell’importanza della responsabilità sociale delle imprese verso i giovani. Le aziende e gli imprenditori di ogni regione, giocano un ruolo fondamentale e cruciale per bloccare questo fenomeno. La responsabilità sociale delle imprese nella lotta alla fuga dei talenti dall’Italia è la meta che davvero può fare la differenza per il futuro del nostro Paese. Dalla Campania che arriva la grande notizia di un’azienda che si è contraddistinta come esempio di eccellenza non solo nel suo settore, ma anche in termini di impegno sociale per il territorio: PLC city .

Continua a leggere
Azioni Vincenti nella Gestione di Impresa Storie di Imprenditori di Successo

Costruisci qualcosa di più grande con il tuo business: supporta uno scopo nobile e realizzerai mete oltre l’immaginabile

Nel mondo degli affari, l’obiettivo principale di molte aziende è spesso quello di generare profitti e crescere costantemente. Tuttavia, c’è un movimento in crescita tra gli imprenditori che mirano a costruire qualcosa di più grande con i loro business, integrando uno scopo nobile nella loro attività. In questo articolo, conosceremo un realtà che ispira il cambiamento grazie alla sua missione nobile: lo Studio Massaiu del dottor Giuseppe Massaiu.

Continua a leggere
Azioni Vincenti nella Gestione di Impresa

Il potere delle mete nell’espansione aziendale, dal sogno all’impresa

Molti di noi hanno un sogno imprenditoriale, un’idea che brucia dentro di noi e che desideriamo trasformare in realtà. Ma come si passa dal sogno alla realizzazione?
“If you can dream it, you can do it”, “Se puoi sognarlo, puoi farlo” diceva il Walt Disney, fondatore dell’omonima azienda. Ecco il potere delle mete: trasformare un sogno imprenditoriale in una realtà tangibile.In questa intervista, conosceremo meglio Paolo Valentini, Socio di OSM Triveneto e scopriremo come è possibile passare dal sogno all’impresa!

Continua a leggere