• bella vita cinzia
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • carlo partipilo
  • osmcoin promo
  • medical
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • BANNER-virtual-coac.png
  • mazzotta desktop
  • guru jobs
  • polidori
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • BANNER-osmcoin.png
  • BANNER-mastermind.png
  • mazzotta
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • sogi
  • banner-mobile-mastermind.png
  • banner medical mobile
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • carlo partipilo
  • sogi
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • guru mobile
  • polidori

Donne e Denaro: Chi l’ha detto che la gestione finanziaria è roba da uomini? 

Donne e Denaro: Chi l’ha detto che la gestione finanziaria è roba da uomini? 
Segui Claudia Bosi
( 10 Followers )
X

Segui Claudia Bosi

E-mail :*

Un’intervista a Nina Iacuzzo

Le donne e i numeri apparentemente sembrano non andare d’accordo fin dall’alba dei tempi. Ce lo ricordano le svariate pubblicità che ci dipingono come delle spendaccione che non vedono l’ora di uscire con le amiche per fare shopping. Oppure che ci rappresentano come delle parsimoniose donne di casa a caccia dell’offerta migliore al supermercato. O infine che ci descrivono come delle speranzose amanti desiderose di ricevere quel regalo tanto costoso da parte del marito abbiente. (Del resto un diamante è per sempre no?!)

Qualche mirabolante azzardo è anche stato fatto a proposito della nostra “natura”. Noi donne abbiamo inclinazioni diverse rispetto agli uomini si sa, e fra queste emerge una naturale repulsione per la gestione finanziaria, per la creazione e la tutela di un patrimonio e per gli investimenti. E come dare torto a queste narrazioni se, ancora oggi, il mondo della finanza è quasi totalmente composto da uomini? 

La relazione tra donne e denaro è davvero così “complicata” come ci raccontano? 

Basti pensare che nel settore della finanza le CEO (Chief Executive Officer) donne sono solo circa il 5% contro il 95% dei colleghi uomini e ad occupare il ruolo CFO (Chief Financial Officer) soltanto il 15%.

Ma allora, donne e numeri in che relazione stanno davvero? 

Dovremmo forse ammettere che donne e finanza siano due mondi che non si incontreranno mai sia per natura che per cultura? 

Assolutamente no! 

Per abbattere questo stereotipo e incentivare le donne a smettere di vedere il denaro come un tabù ho deciso di intervistare Nina Iacuzzo. Nina è la CFO di tutte le società che fanno capo al gruppo OSM, un’esperta di gestione finanziaria, fiscalità e strategie di  incentivazione del personale aziendale.

Prestare attenzione al denaro per prendersi cura di sé stesse 

“A volte lavoriamo in maniera cieca. Ci sforziamo come delle matte per fare le cose al meglio. Dedichiamo moltissimo tempo e moltissime energie al nostro lavoro e poi? Poi ci dimentichiamo di farci pagare, di chiedere e ottenere quello che meritiamo. Nonostante i grandi sacrifici, molte donne si ritrovano con un nulla di fatto tra le mani, finendo per sentirsi inadeguate e insoddisfatte. 

Avere una buona gestione del denaro, o meglio, appassionarsi della finanza in ogni suo aspetto, aiuta a non sentirsi così. È quella, infatti, l’unica strada che ci porta a far valere chi siamo davvero, ad essere orgogliose del nostro operato. Il riconoscimento economico è un dato che descrive la nostra capacità di scambiare valore con il nostro mercato di riferimento. Quando non c’è o è trascurato, significa che siamo noi stesse le prime a non dare abbastanza valore a tutto ciò facciamo, produciamo, creiamo.”

Gestione Finanziaria = Crescita 

“Dal mio punto di vista la gestione finanziaria è sinonimo di crescita. I sogni delle persone sono infatti il motore di ogni cosa. Senza i sogni, nel mondo, non esisterebbe nulla. Ma un sogno senza un’adeguata pianificazione e analisi di fattibilità, rimarrebbe una speranza. Un desiderio recondito rinchiuso in un cassetto. 

Il mio ruolo di CFO in fondo fa proprio questo: trovare un modo tangibile e sostenibile per concretizzare i sogni delle persone. Ciò che faccio è comprendere quali e quante risorse si possano mettere in campo per dare vita a nuovi progetti. Mi impegno affinché le ambizioni delle persone passino dalla carta alla realtà, dal mondo dell’immaginazione al mondo materiale. E non c’è gioia più grande di quella di mettere nelle condizioni qualcuno di realizzare il proprio sogno!”

CFO: un ruolo sempre più “femminile” 

Nonostante fin da piccole, la maggioranza di noi, sia stata abituata a vedere il papà come la persona incaricata a gestire il patrimonio di famiglia e gli acquisti importanti, mentre la mamma era colei che si occupava semmai dell’economia quotidiana facendo la spesa, comprando il materiale scolastico o pagando l’iscrizione in palestra, il ruolo di CFO ha preso, sempre di più, connotati al femminile. 

“Fare la CFO non significa passare le giornate a fare calcoli dietro un pc, anzi. Il mio mestiere si fonda sulla capacità di creare e gestire relazioni al meglio. Non sono infatti io quella che porta il denaro in azienda, questo lo fanno coloro che vendono, che si dedicano al recupero crediti, o che gestiscono gli acquisti. 

Quello che faccio io, è dare loro una panoramica generale dell’andamento dell’azienda e accertarmi che stiano bene. Accertarmi che guadagnino, che siano felici, che siano incentivati a fare sempre meglio. Il mio ruolo ruota attorno ai dettagli. Si tratta di essere capaci di mettere in relazione numeri e stati d’animo, statistiche e comportamenti. Perché non dimentichiamocelo, il vero capitale di un’azienda è quello umano e solo dove le persone sono felici può esserci prosperità”. 

Come diceva Paolo Ruggeri, nell’intervista della scorsa settimana: il futuro dell’impresa è donna! 

Conquistare la propria indipendenza, sicurezza e libertà attraverso il denaro 

Noi donne, proprio perché nel mondo del business siamo ancora in minoranza, dovremmo dedicarci e appassionarci sempre di più al mondo della gestione finanziaria. Il denaro è ciò che ci permette di non scendere a compromessi con niente e nessuno. Lavorare per essere indipendenti da un punto di vista economico abbattendo tabù, preconcetti e stereotipi è la prima cosa che possiamo fare se vogliamo davvero vivere una vita in linea con i nostri valori e i nostri desideri. 

Più ignoriamo come si crea, si accantona e si investe il denaro e più rimarremo schiacciate da chi ha le mani in pasta in questo settore da secoli. Il mio non è un invito a diventare materialiste, insensibili, fredde calcolatrici o speculatrici.  Tutt’altro! Ciò che desidero è che sempre più donne si occupino con cura e attenzione alla gestione finanziaria aziendale e personale, proprio perché comprendano che non c’è nulla di così difficile, di così noioso o sterile nei numeri, anzi. Se impariamo ad osservare i numeri, impareremo presto anche ad amare davvero noi stesse e tutte le persone che abbiamo deciso di coinvolgere nella nostra attività.” 

Impariamo a dare il giusto valore al denaro, per dare il giusto valore a noi stesse, ai nostri progetti, ai nostri sogni e alle nostre persone. 

Se vuoi approfondire il tema del denaro in relazione ai rapporti di coppia clicca qui. 

Se vuoi leggere altri articoli che parlino della “complicata” relazione tra donne e denaro, commenta di seguito indicando quali temi ti piacerebbe approfondire di più! 

Segui Claudia Bosi
( 10 Followers )
X

Segui Claudia Bosi

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • mazzotta
  • sogi
  • banner-mobile-mastermind.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • osmcoin promo mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • carlo partipilo
  • banner medical mobile
  • guru mobile
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • polidori
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • sogi
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png

Claudia Bosi

Editor e Ghost Writer per Engage Editore. Dopo anni di studi di Filosofia sono approdata nel mondo del lavoro e sono riuscita a fare di un dono la mia professione, grazie al contributo di persone illuminate capaci di vedere oltre un semplice curriculum. Io amo le storie delle persone, indago fra sogni ed esperienze vissute. Penso che la scrittura e la lettura siano armi potentissime che l'essere umano ha a disposizione. Le cose essenziali per crescere, comunicare, apprendere e ricordare. In quest'arte c'è la vita e il senso di ogni grande sviluppo e scoperta, è lo specchio dell'anima che riflette l'umanità tutta. Con le parole scritte si rivoluziona il mondo, ci si apre agli altri, si scopre qualcosa di sé, si lascia una traccia indelebile da qui all'eternità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mamma E Manager: Non è Vero che Dobbiamo “Accontentarci”!
Impresa e Donna

Mamma E Manager: Non è Vero che Dobbiamo “Accontentarci”!

Siamo troppo spesso abituati a pensare che “la coperta sia sempre troppo corta”. 

Non c’è abbastanza tempo, non abbastanza spazio o denaro per fare ciò che vogliamo. Per andare dove vogliamo, per essere chi desideriamo. Come se le nostre vite dovessero viversi nei ritagli, o meglio negli scarti, di qualcun altro. Perché quasi sicuramente c’è qualcuno là fuori che ha più di te e che quindi finisce per  “toglierti la tua parte”. 

Ma qualcuno CHI? Il punto sta tutto qui: “NESSUNO ti sta togliendo qualcosa”!

Ma come si fa ad uscire da questo modo di pensare così comune e così impattante? 

“Non aver paura di andare in disaccordo”, “non accettare” – mi risponde decisa Elena Busato, manager di Open Source Management e mamma di tre figlie meravigliose. 

“Sei tu che casomai accetti che è arrivato il momento di accontentarsi, non gli altri!”

Continua a leggere
Come ho trovato il coraggio di realizzare i miei sogni
Impresa e Donna

Come ho trovato il coraggio di realizzare i miei sogni

Quante volte hai detto a te stessa di non avere un sogno da realizzare? Quante volte hai guardato gli altri e hai pensato “beati loro che hanno le idee chiare“?

Ci sono persone che fin dalla loro tenera età sapevano che cosa avrebbero realizzato da grandi. Sono nate convinte del lavoro che avrebbero svolto e dei risultati che un giorno avrebbero raggiunto.

Talvolta guardiamo queste persone come dei veri e propri alieni, delle persone baciate dalla fortuna. Persone inarrivabili, vere e proprie eccezioni.

Ma non sempre ciò che non vediamo non esiste…

Continua a leggere
Impresa di coppia Come rimanere integri e in focus senza rischiare di vivere il sogno del proprio coniuge
Impresa e Donna

Impresa di coppia 

Che le coincidenze non esistano, non è sempre un dato facile da metabolizzare. Soprattutto quando i puntini della nostra vita iniziano a formare un disegno chiaro, soltanto dopo anni di esperienze, fatiche, prove ed errori.

“Chi l’avrebbe mai detto?” – ci chiediamo, eppure, in certi istanti, tutto sembra suggerirci che le risposte a certi quesiti esistenziali, ce le avevamo già in tasca. Le conoscevamo già. Da bambine, quando ancora forse quelle domande non ce le ponevamo nemmeno.

Ho parlato di questo con Jessica Laconi, donna, mamma, imprenditrice e moglie. Da anni è titolare, assieme al marito, Alessandro Viviani, della Autotrasporti Viviani SRL, un’azienda valtellinese di trasporto merci su strada in conto terzi.

Un’azienda che Jessica non avrebbe mai pensato di guidare da bambina, ma a cui, i suoi giochi, in qualche modo le avevano sempre suggerito di andare incontro. Non è un caso che sua cugina, a un certo punto, le disse: “Quando eri piccola giocavi con i camion, ora ti stai per sposare con uomo che ha un’impresa di trasporti…”

Continua a leggere