• guru jobs
  • BANNER-mastermind.png
  • polidori
  • bella vita cinzia
  • valentini desktop
  • osmcoin promo
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • BANNER-osmcoin.png
  • medical
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • desktop barbagallo
  • giro in mongolfiera desktop
  • BANNER-virtual-coac.png
  • carlo partipilo
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • barbagallo mobile
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner medical mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • sogi
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • giro in mong mobile
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • barbagallo mobile
  • guru mobile
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • carlo partipilo
  • polidori
  • osmcoin promo mobile
  • Valentini mobile
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • sogi

Come investire all’estero secondo Paolo Ruggeri

investire all'estero
Segui Paolo Ruggeri
( 22 Followers )
X

Segui Paolo Ruggeri

E-mail :*

Come parte della propria strategia di diversificazione io credo che ogni imprenditore o imprenditrice dovrebbe detenere una parte del proprio patrimonio personale all’estero. 

Investire all’estero, infatti, ci permette di ottenere alcuni importanti vantaggi: 

  1. Di accedere a ritorni che non sono possibili nel nostro Paese (vedi, per esempio, l’investimento in mercati immobiliari in forte crescita, o l’apertura di aziende in Paesi economicamente molto forti, come per esempio USA e Svizzera).
  2. Di metterci al riparo da eventuali scossoni economici: non tutti i Paesi vanno in crisi nello stesso momento, mentre l’Europa nel 2012 viveva la crisi del debito, negli Stati Uniti l’economia riprendeva a tirare. 
  3. E, in alcuni casi, anche di godere di un livello di protezione ulteriore, e completamente legale, del nostro patrimonio in caso di attacchi da parte del Fisco che, come sappiamo, non è sempre l’entità più razionale che esista nel senso che, in alcuni casi, potrebbe volere anche i soldi che non gli sarebbero dovuti.  

PERCHÉ HO INVESTITO ALL’ESTERO 

Siccome amo viaggiare e sono un po’ un pioniere, sono stato sempre un pochino più esposto, rispetto ad altri, alle occasioni presenti negli altri Paesi. Fermo restando che viaggio spesso per svago, quando sono in un nuovo Paese, amo anche documentarmi un poco su come operano le aziende del mio settore, i costi e il funzionamento del real estate locale, ecc.

In alcuni casi la mia mente curiosa mi ha esposto a delle opportunità e, a distanza di anni, devo dire che sono state più le volte in cui non agendo mi sono poi reso conto di aver perso delle opportunità, rispetto alle volte in cui mi sono pentito di aver investito, soprattutto nell’immobiliare. 

Un’altra cosa importante per me è che investendo e operando all’estero poi ho anche imparato strumenti e strategie che poi mi sono risultate utili anche in Italia. Per esempio, alcuni anni fa avevo una franchise della mia azienda a San Pietroburgo, in Russia, e il confronto con i clienti locali mi ha aiutato moltissimo a rendere più semplice ed intuitivo il mio prodotto. 

CHE RISULTATI HO OTTENUTO 

Ad oggi la mia azienda, OSM, ha alcune franchise operative in diversi Paesi: Svizzera, Bulgaria, UAE, Germania, Stati Uniti, ecc. In altri Paesi abbiamo operato per diversi anni ma poi le difficoltà legate ai viaggi durante il Covid ci hanno costretto a fare dei passi indietro e ora stiamo ripartendo. 

Io possiedo investimenti nell’immobiliare negli Stati Uniti, in Bulgaria e in Portogallo che mi generano rendite passive e, pian piano ma costantemente, aumentano anche il loro valore. 

Possiedo poi diverse partecipazioni di minoranza in altre società immobiliari e/o nella ristorazione intorno al mondo.   

Gli investimenti nell’immobiliare in Portogallo e negli Stati Uniti si sono rivelati particolarmente lucrativi e hanno comportato un forte apprezzamento del capitale. 

Operare come società di consulenza negli Stati Uniti ha fatto fare alle mie aziende un deciso balzo in avanti nel know how, portandoci per esempio a creare un sistema in franchising. 

COME SI FA?

Come dicevo pocanzi, innanzi tutto serve una mente curiosa: quando viaggi e ti rechi in un Paese, mentre ti diverti e ti svaghi, cerca anche delle opportunità. Mi ricordo ancora che, nel 2001 mentre viaggiavo in Messico, lessi sulla stampa locale che c’era una nuova emissione di una Obbligazione Pemex (la società Petrolifera Messicana) che pagava il 7% all’anno. Rientrato in Italia chiesi alla mia banca di comprarla. Gli interessi guadagnati per dieci anni mi permisero di quasi raddoppiare il capitale del mio investimento.

La seconda cosa che serve è un approccio che io chiamo Pronti-Fuoco-Mira. Pronti-Fuoco-Mira significa che, una volta che hai individuato una buona opportunità di investimento, non devi pensare, pensare, pensare perché così facendo non farai nulla… Devi invece fare fuoco e cercare di entrare nell’investimento anche se potrebbe essere con una piccola cifra per cominciare. Se non fai nulla, poi te ne torni a casa e dopo un po’, riassorbito nei casi della gestione giornaliera, non fai più nulla… 

Nel 2020 mi recai in Messico e trovai nella città di Palenque una guida turistica che mi sembrava molto molto in gamba. Senza pensarci troppo e, andando con l’intuito, gli proposi di acquistargli un van così che avrebbe potuto portare più turisti e che avremmo fatto a metà sugli utili. Ai tempi sottostimai l’importanza del marketing e della concorrenza, quindi uscimmo dall’operazione nel 2022 in sostanziale pareggio ma avendo guadagnato esperienza, nuove amicizie e anche divertimento. 

Nel 2012, sempre applicando Pronti-Fuoco-Mira, mentre operavo a Miami in Florida mi resi conto che gli immobili in quel Paese non costavano niente rispetto al valore. Anche se non avevo ben chiaro come avrei fatto a gestirlo da lontano, acquistai il mio primo appartamento a Miami Beach. Da lì a pochi mesi il secondo, poi il terzo, avviai una vera e propria società immobiliare. E i ritorni furono davvero straordinari. 

Per contro, nel 2003 mentre avevo diversi clienti in Ungheria, mi resi conto che a Budapest i prezzi degli immobili erano piuttosto bassi. Chiesi informazioni a diverse persone del posto e mi dissero la solita frase che uccide tutti gli investimenti immobiliari: “Eh, no, bisognava comprare anni fa, allora sì che costavano poco. Oggi sono già saliti di cinque volte…”. Così non acquistai e, vent’anni dopo, il prezzo di quegli immobili è triplicato…   

Da ultimo cerca di avere dei buoni consulenti locali. Affidati a imprenditori di successo, o a bravi commercialisti e avvocati. Il loro costo non è molto elevato, soprattutto se ti fai consigliare da bravi imprenditori o professionisti locali, ma ti permettono di risparmiare molto denaro. 

COSE DA NON FARE

Se investi nell’immobiliare ho trovato che è meglio detenere l’immobile con una società locale creata ad hoc, piuttosto che intestarselo come persona fisica. Eviti un sacco di burocrazia italiana. 

Fai attenzione agli italiani che risiedono all’estero. Tante volte ho trovato che la loro prima missione era quella di fottere i connazionali che venivano in quel Paese ad investire. E’ brutto da dire, ma l’ho osservato varie volte. Anche se mi piace stare con gli italiani e ci sono comunque delle eccezioni, quando sono in un nuovo Paese io preferisco investire con le persone locali e usare professionisti – agenti, commercialisti, avvocati – locali.   

Ricordati che oggi vige la trasparenza bancaria e dai per scontato che tutte le operazioni che effettuerai all’estero, tranne alcune rare eccezioni per cui servono consulenti molto esperti, verranno anche conosciute dall’Agenzia delle Entrate Italiana. 

Nel passato ho incontrato più di una persona che mi ha detto che “aveva dato il nero” da investire a gestori in Svizzera, in Brasile, a Monaco, ecc. In OGNUNO di questi casi, davvero IN OGNUNO, ho poi incontrato anni dopo la persona che mi diceva che il suddetto “gestore” era poi sparito con tutti i soldi. Fai attenzione con ciò che fai con il tuo denaro. Interagisci solo con persone della più grande etica e correttezza. 

Ricordati che sei un ospite nel Paese straniero. Sii PERFETTO per quel che riguarda il rispetto delle regole, le scadenze fiscali, i regolamenti, le assicurazioni. Se fai la testa di cavolo, possono decidere in ogni momento di cacciarti fuori e non farti più tornare.   

ALTRI CONSIGLI 

Facendo un piccolo riassunto, il modo migliore sarebbe quello di aprire una tua azienda, o una tua franchise, in quel Paese. Oppure di acquisire un qualche tipo di partecipazione in una società locale. 

In second’ordine acquistare un immobile con una tua LLC o LTD (nomi equivalenti di SRL in Italia) per poi fare esperienza nell’immobiliare. 

Da ultimo, un’altra opportunità potrebbe essere quella di prendere parte a una cordata con diversi altri imprenditori italiani che avviano una società immobiliare all’estero. Questo ti potrebbe permettere di fare un po’ di esperienza per poi metterti da solo/a. 

Comunque tu decida di approcciarti alla cosa ricordati il mantra: Pronti – Fuoco -Mira. Se aspetti, aspetti, aspetti, aspetti, sicuramente non perderai del denaro però non concluderai mai niente. 

Buoni Investimenti

Segui Paolo Ruggeri
( 22 Followers )
X

Segui Paolo Ruggeri

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • carlo partipilo
  • banner-mobile-mastermind.png
  • giro in mong mobile
  • banner medical mobile
  • guru mobile
  • sogi
  • sogi
  • barbagallo mobile
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • polidori
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • Valentini mobile
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco

Paolo Ruggeri

Paolo A. Ruggeri è un imprenditore che gestisce numerose aziende in diversi paesi nel mondo. Socio fondatore di OSM, società Italiana di consulenza che aiuta gli imprenditori a comunicare con i dipendenti, a far crescere il loro business e ritrovare la motivazione in azienda, con più di quindici sedi distribuite in Europa, Stati Uniti, Canada, Russia e Medio Oriente. Inoltre, dirige o possiede partecipazioni in aziende in svariati altri settori intorno al mondo, dall'immobiliare all'Editoria, dalla consulenza per l'internazionalizzazione d'impresa al marketing e alla ristorazione.

One thought on “Come investire all’estero secondo Paolo Ruggeri”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ETF
Investimenti

Come valutare un ETF – Con Felipe Orrego

Gli Exchange-Traded Fund (ETF) offrono agli imprenditori un’opportunità unica per diversificare il loro portafoglio in modo interessante. Ne parlo con Felipe Orrego.

Continua a leggere
Investimenti

GLI ERRORI PIU’ COMUNI DEGLI INVESTITORI ALL’INIZIO

Segui Alberto Lazzaro ( 1 Followers ) X Segui Alberto Lazzaro E-mail :* Segui Alberto Lazzaro Smetti di seguire Alberto Lazzaro Entrare nel mondo degli investimenti può sembrare come avventurarsi in una foresta inesplorata. Si cammina su un sentiero sconosciuto, dove ogni passo può creare dubbi e incertezze. E non importa se stai mettendo piede […]

Continua a leggere
Barbagallo TFR
Investimenti

Cosa fare con il TFR dei propri collaboratori

Scopri come fare del TFR un’opportunità di crescita sia per la tua azienda che per i tuoi collaboratori. Ne parlo con Gianluca Barbagallo.

Continua a leggere