• BANNER-osmcoin.png
  • medical
  • desktop barbagallo
  • augurale desktop
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • gh dubai desk
  • BANNER-virtual-coac.png
  • carlo partipilo
  • polidori
  • gh garda dektop
  • giro in mongolfiera desktop
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • osmcoin promo
  • valentini desktop
  • guru jobs
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • BANNER-mastermind.png
  • bella vita cinzia
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • gh Garda
  • sogi
  • augurale mobile
  • sogi
  • giro in mong mobile
  • barbagallo mobile
  • guru mobile
  • carlo partipilo
  • gh dubai mob
  • Valentini mobile
  • banner medical mobile
  • polidori
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco

Come essere felici: a scuola di gioia dal Dalai Lama e Desmond Tutu

Come essere felici
Segui Francesca Turriciano
( 15 Followers )
X

Segui Francesca Turriciano

E-mail :*

La gioia è un obiettivo astratto che tutti noi cerchiamo di raggiungere, ma la verità è che è difficile capire come essere felici ogni giorno concretamente. 

Oggi voglio parlarti di un incontro che è stato per me di grande ispirazione sul tema della gioia.

Un libro tratto dall’unione di due essere speciali, il Dalai Lama e l’arcivescovo Desmond Tutu, che dialogano per capire come essere felici ogni giorno. Questi due leader spirituali, nonostante le grandi difficoltà affrontate nella vita, sono riusciti a mantenere intatta la loro gioia di vivere e a diffonderla agli altri.

Il Dalai Lama e l’arcivescovo Desmond Tutu si sono incontrati per la prima volta nel 1996, durante un convegno sulla pace a Denver, negli Stati Uniti. Da allora sono diventati amici e hanno continuato a collaborare insieme per diffondere il messaggio di pace e di amore nel mondo.

Nel 2015, i due leader spirituali si sono incontrati di nuovo per il lancio del libro “The Book of Joy”, in cui hanno condiviso le loro esperienze e le loro riflessioni sulla felicità. Durante l’incontro, il Dalai Lama e l’arcivescovo Desmond Tutu hanno parlato di come essere felici ogni giorno, nonostante le difficoltà della vita.

Secondo loro, la felicità non è qualcosa che si può trovare al di fuori di noi stessi, ma è una condizione interiore che dipende dalla nostra mente e dal nostro modo di pensare. 

Il Dalai Lama è il leader spirituale del popolo tibetano, nonché uno dei leader religiosi più rispettati al mondo. Nato nel 1935 in una famiglia di contadini, è stato riconosciuto come la reincarnazione del precedente Dalai Lama all’età di 2 anni. Ha vissuto l’esilio dal Tibet dal 1959, dopo che la Cina ha invaso il paese. Nonostante le difficoltà che ha incontrato, il Dalai Lama è riuscito a mantenere la sua serenità interiore e a diffondere un messaggio di pace e di non violenza.

L’arcivescovo Desmond Tutu è un leader spirituale e politico sudafricano, noto per il suo attivismo contro l’apartheid. Nato nel 1931, ha lottato per i diritti dei neri sudafricani e nel 1984 è diventato il primo nero a guidare la Chiesa anglicana del Sudafrica. Ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 1984 e ha continuato a lottare per i diritti umani anche dopo il termine dell’apartheid.

Ecco alcuni messaggi molto forti che ci hanno lasciato nei loro dialoghi.

Come essere felici: la lezione del Dalai Lama

La lezione più importante che il Dalai Lama ha trasmesso a migliaia di persone durante i suoi discorsi è stata proprio la gioia. Nonostante la sua vita sia stata segnata da esili forzati e dalla lotta per la libertà del suo popolo, è sempre apparso sereno e in pace con sé stesso.

Secondo il Dalai Lama, la felicità non può essere raggiunta attraverso beni materiali o l’accumulo di denaro, ma è un sentimento interiore che dipende dal nostro atteggiamento mentale. In altre parole, la felicità è uno stato mentale che possiamo coltivare attraverso l’esercizio della mente e del cuore.

Il Dalai Lama suggerisce di concentrarsi sulle qualità positive come la gentilezza, la compassione, la pazienza e la gratitudine. Queste qualità ci aiutano a creare un senso di armonia e di connessione con gli altri e a sviluppare un atteggiamento positivo verso la vita.

Ci invita anche a vivere nel momento presente e ad apprezzare le piccole cose della vita. Spesso ci focalizziamo sul passato o sul futuro, dimenticandoci di godere il presente. Il Dalai Lama ci insegna a praticare la consapevolezza, cioè l’essere presenti e attenti a ciò che sta accadendo qui e ora, senza giudicare o valutare.

Come essere felici: l’esempio di Desmond Tutu

Un altro grande esempio di come la gioia può coesistere con le difficoltà della vita è Desmond Tutu, l’arcivescovo sudafricano che ha lottato contro l’apartheid. Nonostante abbia subito minacce e persecuzioni, ha sempre mantenuto la sua umanità e il suo sorriso.

Secondo l’arcivescovo, la gioia è una scelta che facciamo ogni giorno. Anche se la vita può essere difficile e piena di sofferenza, possiamo scegliere di essere felici. La felicità non dipende dalle circostanze esterne, ma dalla nostra capacità di trovare la bellezza e il significato nella vita.

Nel libro fa un paragone interessante tra l’accettazione del dolore e il processo di dare alla luce un figlio. Come una madre che accetta il dolore del parto, sa che è inevitabile e che serve a portare alla luce il suo bambino, allo stesso modo dobbiamo accettare il dolore nella nostra vita come parte del nostro percorso di crescita e di apprendimento.

Secondo l’arcivescovo, questo atteggiamento di accettazione del dolore ci permette di sviluppare una maggiore capacità di empatia, di comprensione e di compassione per gli altri. Ci aiuta anche a riconoscere la nostra vulnerabilità e ad avere maggior rispetto per la vita e per gli altri esseri umani.

Per lui la gratitudine è un altro ingrediente fondamentale per la felicità. Quando siamo grati per ciò che abbiamo, sviluppiamo un senso di abbondanza e di apprezzamento per la vita. Inoltre, la gratitudine ci aiuta a mantenere un atteggiamento positivo anche nelle situazioni difficili.

Infine, ci ricorda l’importanza di ridere e di non prendersi troppo sul serio. Anche durante i momenti più bui della sua vita, ha mantenuto il suo senso dell’umorismo e la capacità di trovare il lato positivo delle cose.

Conclusioni

Come essere felici

La storia del Dalai Lama e dell’arcivescovo Desmond Tutu ci insegna che la felicità è un atteggiamento interiore che possiamo coltivare ogni giorno. 

In altre parole dobbiamo “allenare” la gioia.

Coltivare la gratitudine, concentrarsi sulle cose positive della vita, imparare ad accettare il dolore, sono capacità fondamentali per poter vivere con gioia.

La vita può essere imprevedibile e piena di sfide, ma ciò che conta veramente è come scegliamo di affrontarle. Allenare la gioia ogni giorno ci aiuta a mantenere una mentalità positiva e a trovare il buono in ogni situazione. Guardare alle difficoltà come ad un’opportunità di crescita ci consente di superarle e di diventare persone più forti e sagge. 

I due leader spirituali ci mostrano come essere felici veramente. E che nonostante le ingiustizie subite, la resilienza e la determinazione a lavorare su se stessi possono portare alla trasformazione personale e alla capacità di trasmettere un messaggio positivo anche agli altri. 

Possiamo tutti imparare da loro come essere felici e scegliere di trasformare le difficoltà in opportunità, per creare una vita piena di significato e gioia.

Segui Francesca Turriciano
( 15 Followers )
X

Segui Francesca Turriciano

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • banner medical mobile
  • sogi
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • gh dubai mob
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • polidori
  • Valentini mobile
  • guru mobile
  • sogi
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • augurale mobile
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • carlo partipilo
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • barbagallo mobile
  • giro in mong mobile
  • gh Garda

Francesca Turriciano

Sono una copywriter. E mi ritengo veramente “fortunata” perché per lavoro posso “giocare” con le parole ogni giorno. Ma non solo. Posso dare sfogo a tutto ciò che amo: leggere, soddisfare la mia curiosità infinita e vivere una vita “piena”. Sì, perché il lavoro del copywriter non si ferma alla scrittura. Ogni parola che scrivo è solo la punta dell'iceberg di un mondo ricco di idee, emozioni e visioni. In effetti la scrittura ha creato “un prima e un dopo” nella mia vita ed è stata la chiave che ha aperto la porta alla mia vera essenza. Quando ho lasciato entrare la creatività, ho dato il via a un circolo virtuoso che ha portato nuova energia e tanti stimoli interessanti. È stato come un risveglio che mi ha catapultato in una nuova dimensione, fatta di scoperte sempre diverse, avventure straordinarie e storie da raccontare. Oggi sono qui per condividere questo pezzetto di viaggio insieme ad altri lettori che, come me, sono appassionati della vita e dei suoi infiniti racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

attività fisica
Intelligenza Spirituale

Attività fisica ed energia positiva del manager – con Andrea Nitri

Investire tempo nell’attività fisica può tradursi in una maggiore produttività, una migliore gestione dello stress e una capacità decisionale più acuta.

Ne parlo con Andrea Nitri.

Continua a leggere
etica e prosperità
Intelligenza Spirituale

Etica e prosperità: Cristian Romano sull’applicazione della fede Cristiana nel business

I temi di etica e prosperità diventano fondamentali per i leader aziendali che desiderano gestire le loro imprese con integrità e successo duraturo. 

Oggi ne parlo con Cristian Romano.

Continua a leggere
determinazione
Intelligenza Spirituale

Determinazione: Un viaggio dall’interno verso l’esterno – con Brunella Velasquez 

Ti sei mai chiesto cosa significhi veramente la determinazione? Come può influenzare la tua vita, sia sul fronte personale che professionale? 

Continua a leggere