• valentini desktop
  • bella vita cinzia
  • desktop barbagallo
  • carlo partipilo
  • giro in mongolfiera desktop
  • BANNER-virtual-coac.png
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • barbagallo mobile
  • osmcoin promo
  • medical
  • BANNER-osmcoin.png
  • polidori
  • BANNER-mastermind.png
  • guru jobs
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • banner medical mobile
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • polidori
  • guru mobile
  • sogi
  • barbagallo mobile
  • carlo partipilo
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • sogi
  • osmcoin promo mobile
  • giro in mong mobile
  • banner-mobile-mastermind.png
  • Valentini mobile
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner-mobile-OSMCOIN.png

Come affidarsi all’intuizione per prendere le decisioni aziendali in modo efficace – con Gaetano Balsamo

intuizione
Segui Francesca Turriciano
( 14 Followers )
X

Segui Francesca Turriciano

E-mail :*

Cosa significa davvero essere liberi e affidarsi all’intuizione per prendere decisioni aziendali efficaci?

Ne parlo con Gaetano Balsamo, imprenditore di successo e fondatore di Spiritual Economics. Oggi ci conduce attraverso il suo viaggio personale, raccontando come la ricerca della libertà lo abbia spinto a esplorare non solo le strade imprenditoriali, ma anche quelle della consapevolezza e della crescita interiore. Attraverso il lavoro su sé stesso e la scoperta del vero significato della libertà, Gaetano ha trovato una prospettiva unica su come prendere decisioni aziendali in modo consapevole ed efficace.

Continua a leggere per esplorare questo affascinante argomento e scoprire come puoi applicarlo nella tua realtà imprenditoriale.

Parlando di intuizione, c’è chi pensa che una buona idea sia in gran parte ciò che serve per avere successo. Cosa ne pensi tu?

Per me l’idea imprenditoriale rappresenta solo una piccola percentuale del percorso verso il successo. Diciamo il 5%. 

Questo potrebbe sorprendere alcuni, ma in realtà è il risultato di anni di esperienza nel mondo degli affari. È facile pensare che un’idea brillante sia la chiave per il successo, ma la realtà è che ci sono molti altri fattori che contribuiscono in modo significativo al raggiungimento degli obiettivi imprenditoriali.

Guardando alla piramide nell’immagine, è chiaro che il successo di un’impresa dipende da una serie di elementi interconnessi: il mentore che guida il team, la missione, il team stesso, la strategia e, naturalmente, l’azione. 

Ma concentriamoci sul mentore per un attimo, che nella piramide con il suo 50% è quello con il peso maggiore nell’equazione del successo imprenditoriale. Il mentore, ovvero l’imprenditore, è un visionario, una guida, un maestro. Il mentore non è solo un leader o un consigliere, ma una figura guida fondamentale che deve incarnare valori etici e fungere da fonte di ispirazione per il team, ma soprattutto è una persona che fa crescere le persone nella sua azienda. 

Poi c’è la mission al 15%, che rappresenta il fine ultimo dell’impresa, l’insieme degli obiettivi a lungo termine, ma soprattutto se la missione della nostra azienda fa stare bene gli altri, o meglio gli altri, in etica con il mondo.

E poi c’è il team al 10%, una squadra, un gruppo di persone che collaborano alla medesima impresa, che non è così scontato. E anche qui l’imprenditore bisogna che sia bravo a scegliere le persone giuste, a unirle, a motivarle per un unico obiettivo, perché sennò uno va di qua, uno va di là e non si va da nessuna parte.

Poi la strategia al 10%: un piano di lavoro costituito da modi e mezzi più opportuni per raggiungere l’obiettivo a breve, perciò è a lunga scadenza. Tutti devono avere chiaro che cosa fa, sennò si va a lavorare, punto e basta.

E alla fine l’azione al 10%. Dopo che abbiamo messo anche la strategia, il piano eccetera, bisogna fare.

Che cosa viene fuori da questa piramide? 

Che l’idea vale poco e il mentore vale tanto. Proprio per questo deve avere un equilibrio tra testa, corpo e spirito. Perché se quest’ultimo perde l’equilibrio, tutta questa piramide ha già perso il 50%, 

Come definiresti il ruolo del sogno nell’esperienza imprenditoriale e quale impatto pensi abbia sull’orientamento e sul successo di un imprenditore?

Secondo me, l’attività principale del mentore e di ogni essere umano, che sia un imprenditore, che sia un collaboratore, che sia un bambino, è sognare.

Se un uomo smette di sognare, il cimitero si avvicina sempre di più. Ed è così, finché un uomo ha un sogno, non può morire.

Il punto è che per sognare e sognare in grande, abbiamo bisogno di essere noi stessi al 100%. Ma se non so chi sono?

Forse sto sognando il sogno di qualcun altro. Forse sto facendo qualcosa per qualcun altro. 

Qual è il ruolo della libertà nelle scelte aziendali e come influisce sulla cultura e sul successo dell’azienda?

Quando ho iniziato da giovane a fare l’imprenditore la mia meta era la libertà. Avevo troppo sofferto da adolescente, troppa umiliazione paura e tanto senso di inadeguatezza in questo mondo, non volevo dipendere più da nessuno. 

Ma ben presto mi sono reso conto che avere un’azienda e persone che dipendono da te è una grandissima responsabilità e anche una potenziale trappola dove la libertà che tanto desideravo si era allontanata anziché avvicinarsi.

Quando ho capito che ero in una specie di prigione senza sbarre ho iniziato a intraprendere altre strade oltre a quella imprenditoriale, le strade della consapevolezza, strade interiori che ti fanno scoprire chi sei realmente e quale scopo personale hai per essere un’anima felice gioiosa, gratificata e soprattutto libera. 

Ho capito che la libertà non è certamente oziare, ma è l’assenza di turbamenti, di conflitti, di dolore, di rancori del passato e di ansie per il futuro. Ho capito che la libertà e la leggerezza è una conquista interiore e quando la raggiungi qualunque obiettivo in questo mondo è raggiungibile se hai la forza di mantenere questa integrità e se l’obiettivo che hai è il tuo realmente e non ereditato o solo un frutto della tua mente influenzata dal sistema o dall’educazione avuta. 

Per fare questo salto controintuitivo, perché stare nel “adesso” è di fatto non solo difficile ma per qualcuno è proprio impossibile, bisogna fare un lavoro di scuola e questo lavoro al contrario delle scuole tradizionali non significa mettere ancora nella mente altri concetti, 

ma significa “levare”. Levare zavorre di vecchiume che ci portiamo dietro, credenze prive di vantaggi, limitazioni e azioni limitanti, sentimenti di paura rancore odio e anche tanta tanta rabbia repressa che ti blocca il Cuore, l’organo di vita più importante e ormai riconosciuto come uno dei tre cervelli che abbiamo insieme all’intestino. 

Quando ho realizzato questo, il desiderio di aiutare anche i miei amici e gli imprenditori è diventato fortissimo. Ecco come è nato il corso Spiritual Economics, che è un format frutto di 30 anni di lavoro su di me. 

E mentre facevo questo lavoro interiore cercavo di vincere con un’attività tutt’altro che facile, e ho vinto!

Il mio più grande successo non è la sicurezza economica o le realizzazioni personali, ma il fatto di essere ancora vivo e sano a 61 anni. Sembra una cosa scontata la vita e la salute ma non lo è affatto. Ho vissuto abbastanza per vedere persone morire giovani e in sofferenza anche se molto ricche. Anche mia madre e mio padre sono morti giovani e di malattie molto brutte, hanno sofferto molto, e io ricordo bene i loro ultimi giorni. Li ricordo mentre si affrettavano a darmi gli ultimi consigli e a farmi avere la loro eredità sudata da emigranti del Sud. In quel momento mi sono reso conto che i soldi e la ricchezza di fronte alla fine della vita non contano assolutamente a niente e anche averne tanti non ti salva purtroppo dalla morte.

Il mio scopo più grande oggi, è quello di aiutare Imprenditori e i manager a scoprire cos’è davvero la libertà, quella libertà fatta di vivere l’attimo e che immancabilmente ti porta pure a sognare in grande e a realizzare cose inimmaginabili per una mente troppo inquinata dal passato-futuro. 

Se vuoi approfondire l’argomento, ti invito a leggere il prossimo articolo in cui spiegheremo meglio quali sono i 10 punti su cui lavorare per essere veramente liberi, così da poter capire meglio come affidarti all’intuizione per guidare decisioni aziendali efficaci.

Segui Francesca Turriciano
( 14 Followers )
X

Segui Francesca Turriciano

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • banner-mobile-mastermind.png
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • guru mobile
  • sogi
  • banner medical mobile
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • sogi
  • giro in mong mobile
  • polidori
  • carlo partipilo
  • Valentini mobile
  • barbagallo mobile
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • osmcoin promo mobile

Francesca Turriciano

Sono una copywriter. E mi ritengo veramente “fortunata” perché per lavoro posso “giocare” con le parole ogni giorno. Ma non solo. Posso dare sfogo a tutto ciò che amo: leggere, soddisfare la mia curiosità infinita e vivere una vita “piena”. Sì, perché il lavoro del copywriter non si ferma alla scrittura. Ogni parola che scrivo è solo la punta dell'iceberg di un mondo ricco di idee, emozioni e visioni. In effetti la scrittura ha creato “un prima e un dopo” nella mia vita ed è stata la chiave che ha aperto la porta alla mia vera essenza. Quando ho lasciato entrare la creatività, ho dato il via a un circolo virtuoso che ha portato nuova energia e tanti stimoli interessanti. È stato come un risveglio che mi ha catapultato in una nuova dimensione, fatta di scoperte sempre diverse, avventure straordinarie e storie da raccontare. Oggi sono qui per condividere questo pezzetto di viaggio insieme ad altri lettori che, come me, sono appassionati della vita e dei suoi infiniti racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

amore e disciplina
Intelligenza Spirituale

Il potere dell’amore e della disciplina: strategie per un management efficace – con Elisabetta Comite

Come trovare il giusto equilibrio tra amore e disciplina per assicurarti di mettere in atto politiche di management efficace? 

Ne parlo con Elisabetta Comite

Continua a leggere
essere liberi
Intelligenza Spirituale

10 punti per essere liberi come manager e imprenditori – Con Gaetano Balsamo

Come essere liberi e far venir fuori il massimo potenziale tuo e delle persone che ti circondano?

Ne parlo con Gaetano Balsamo.

Continua a leggere
Operazioni commerciali
Intelligenza Spirituale

Onestà e trasparenza nelle operazioni commerciali secondo i princìpi biblici – con Brunella Velasquez

Quali benefici concreti possono derivare dall’implementazione di politiche di trasparenza e onestà anche nelle operazioni commerciali?

L’ho chiesto a Brunella Velasquez.

Continua a leggere