• barbagallo mobile
  • guru jobs
  • medical
  • bella vita cinzia
  • BANNER-virtual-coac.png
  • BANNER-imp.info-nuovo.png
  • carlo partipilo
  • polidori
  • osmcoin promo
  • BANNER-osmcoin.png
  • BANNER-time-management-nuovo.png
  • BANNER-utili-patrimonio.png
  • desktop barbagallo
  • valentini desktop
  • giro in mongolfiera desktop
  • BANNER-mastermind.png
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • polidori
  • banner-mobile-mastermind.png
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • Valentini mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • banner medical mobile
  • giro in mong mobile
  • sogi
  • osmcoin promo mobile
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • carlo partipilo
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • sogi
  • guru mobile
  • barbagallo mobile

Chi è Bin Salman: politico rivoluzionario o leader pericoloso?

Segui Francesco Iavarone
( 1 Followers )
X

Segui Francesco Iavarone

E-mail :*

Uno sguardo autoritario, eleganza nei modi e un forte magnetismo. 

Si presenta così il Principe ereditario Mohammad Bin Salman Al Saud (abbreviato dai media con MBS), figlio dell’attuale re Salman dell’Arabia Saudita (oggi 88 anni)  e ufficiale erede al trono. 

Salman, 38 anni, risulta il più giovane primo ministro del mondo, avendo anche ricoperto in passato le cariche di Vice Primo Ministro e ministro della Difesa. 

Partiamo col dire che il trono saudita si eredita in modo indiretto per età e “merito”; in via non ufficiale potremmo definirlo un seniorato, favorisce infatti il membro più anziano della famiglia reale. Grazie alla scalata politica del padre, la linea di successione favorisce oggi il principe Mohammad. 

Sullo scenario mondiale è conosciuto non solo per l’età e l’intraprendenza, ma anche per la politica più aperta che sembra aver intrapreso come secondo politico più influente della nazione. Nel 2016 lancia nella sessione del consiglio dei ministri un piano strategico elaborato dal Consiglio per gli affari economici e di sviluppo conosciuto come “Saudi Vision 2023” che punta a cambiar profondamente l’economia saudita. Uno dei punti principali è ad esempio favorire il passaggio da un’economia fortemente basta sul commercio del petrolio greggio – praticamente per l’80% – ad una più flessibile che favorisce altri settori, volgendo lo sguardo anche a risorse minerarie (oro, zinco, fosfati, uranio). 

Oltre che essere una rivoluzione economica, il piano sembra incarnarne anche una socio-politica. La politica di Salman ha fatto sì che la posizione sociale della donna venisse rivalutata – in Arabia Saudita attualmente le donne possono anche prendere la patente e guidare, lavorare o ricoprire addirittura ruoli che prima erano lontanissimi dalle loro possibilità – e che la polizia religiosa non operasse più come prima, permettendo addirittura la riapertura dei cinema e degli eventi pubblici per divertirsi e socializzare. 

Agli occhi dei media il principe sembra avere una posizione di gran potere grazie alla attuale crisi energetica e ai conflitti in Ucraina. Il petrolio dal quale desidera che l’Arabia prenda pian piano le distanze rimane comunque una risorsa molto ambita. 

La figura del principe Bin Salman sembra essere potente tanto quanto complessa, svariate sono infatti le controversie. Quella più evidente e nota è l’accusa nel 2018 – a seguito di alcune indagini della CIA – di essere stato il mandante del brutale omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, un giornalista saudita fortemente contrario ad alcune politiche del principe e di re Salman, come ad esempio l’intervento militare nello Yemen.

Un’altra controversia che sembra avvalorare l’accusa appena citata è il caso di Saad bin Khalid Al Jabri. Al Jabri è stato un importante membro dell’Intelligence saudita, ha avuto importanti ruoli nella lotta al terrorismo aiutando gli Stati Uniti, è stato oltretutto consigliere dell’ex Principe ereditario Muhammad bin Nayef.

Quest’ultimo era inizialmente l’erede al trono, secondo la linea di anzianità, per essere successivamente sostituito e deposto dallo stesso Bin Salman. Recentemente Muhammad bin Nayef è stato anche arrestato con l’accusa di tradimento ai danni della famiglia reale.

Lo stesso destino sembra toccare dunque ad Al Jabri il quale è stato accusato del furto di alcuni fondi statali, per poi rifugiarsi in Canada ed essere messo in guardia da un suo ex collaboratore dell’Intelligence su un possibile attentato nei suoi confronti. Al Jabri chiede aiuto specialmente per i membri della famiglia – i figli Sarah e Omar – arrestati dal regime saudita come deterrente per obbligarlo a tornare in Arabia e affrontare la giustizia.

Che a Mohammad Bin Salman sia stata concessa una condotta più “libera, chiudendo un occhio su alcune sue operazioni, per tenerselo buono, visto il ruolo che l’Arabia Saudita ricopre in Medio Oriente e nell’economia mondiale? Sicuramente nei prossimi anni sentiremo molto parlare di lui.

Segui Francesco Iavarone
( 1 Followers )
X

Segui Francesco Iavarone

E-mail :*
Follow
( 0 Followers )
X

Follow

E-mail : *
  • sogi
  • banner-mobile-virtual-coach.png
  • banner-mobile-OSMCOIN.png
  • giro in mong mobile
  • banner mobile cinzia bonfrisco
  • guru mobile
  • polidori
  • carlo partipilo
  • Valentini mobile
  • barbagallo mobile
  • banner-mobileutili-patrimonio-e-rendite.png
  • osmcoin promo mobile
  • sogi
  • TIME-MANAGEMENT-mobile-nuovo.png
  • banner-mobile-imp.info-nuovo.png
  • banner-mobile-mastermind.png
  • banner medical mobile

Francesco Iavarone

Francesco Iavarone è un autore Pugliese che da anni lavora con le parole. Scrittore, Articolista e Copywriter. La passione per la ricerca e la scrittura nascono sui banchi di scuola per poi diventare una vocazione vera e propria. Dottore in fisica, ama studiare, indagare e scrivere di temi di nicchia, scrivendo con l’intento di far emergere la verità dai fatti presentati e investigati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dibattito e Confronto

Europa – Questi strumenti informatici saranno utilizzati per censurare e manipolare le informazioni?

Segui Francesco Iavarone ( 1 Followers ) X Segui Francesco Iavarone E-mail :* Segui Francesco Iavarone Smetti di seguire Francesco Iavarone Se c’è un vantaggio nell’essere un blog indipendente e che non riceve finanziamenti da un pubblico politico, questo è proprio la libertà di parlare e fare domande senza dover sorvolare su certi argomenti ritenuti […]

Continua a leggere
Dibattito e Confronto

Vaccini anti-covid: quanti politici non si sono sottoposti perché preoccupati degli effetti?

Segui Francesco Iavarone ( 1 Followers ) X Segui Francesco Iavarone E-mail :* Segui Francesco Iavarone Smetti di seguire Francesco Iavarone Il tema dei vaccini rimane uno dei più discussi e delicati.  Abbiamo intercettato recentemente notizie su diffusi effetti avversi al vaccino e sono ancora fresche le dichiarazioni che giustificano il ritiro del prodotto AstraZeneca […]

Continua a leggere
Cosa c’è dietro l’attentato a Fico, il premier slovacco
Dibattito e Confronto

Cosa c’è dietro l’attentato a Fico, il premier slovacco

Segui Matteo Gardelli ( 4 Followers ) X Segui Matteo Gardelli E-mail :* Segui Matteo Gardelli Smetti di seguire Matteo Gardelli Cosa c’è dietro l’attentato a Fico, il premier slovacco. Robert Fico, 59 anni, sta ancora lottando fra la vita e la morte. È in coma farmacologico dopo l’intervento, durato quattro ore, all’ospedale di Roosevelt di […]

Continua a leggere